A- A+
Green
Yves Rocher raccoglie 1.600 kg di rifiuti per la difesa dell'ambiente

La giornata  Zero Waste Day organizzata da Yves Rocher Italia lo scorso 10 luglio è stata una giornata di team building che ha coinvolto tutti i dipendenti della filiale italiana a ripulire un’area dai rifiuti 
raccogliendo 1.600 KG di rifiuti contribuendo nella bonifica del Parco Vittorini insieme ai volontari di Legambiente.

Questo progetto è stato il punto di partenza per le attività mirate che proseguiranno per tutto l’arco dell’anno legate al progetto #ActBeautifulChallenge, nato per sensibilizzare quale sia effettivamente l’impatto umano nei confronti dell’ambiente e per consapevolizzare sul fatto che, impegnandoci in prima persona a svolgere tutti i giorni piccoli gesti di bellezza verso l’ambiente, verso gli altri e verso noi stessi, possiamo insieme migliorare la società in cui viviamo: dalla scelta di usare la bicicletta piuttosto che l’auto, al sostituire utensili usa e getta con oggetti riutilizzabili.
I dipendenti Yves Rocher sono coinvolti in prima persona per tutto l’anno a presentare progetti volti a migliorare l’impatto ambientale in azienda e ad affinare la propria responsabilità ambientale e sociale.

Durante la giornata Zero Waste, oltre a ripulire l’area del parco dai rifiuti, il team è stato impegnato in attività di team building fra cui una caccia al tesoro che ha permesso loro di montare 20 biciclette donate a Dynamo Camp, associazione con la quale Yves Rocher ha instaurato una collaborazione. Dynamo Camp è un camp di Terapia Ricreativa, primo in Italia, appositamente strutturato per ospitare gratuitamente per periodi di vacanza e svago bambini e ragazzi malati, in terapia o nel periodo di post ospedalizzazione. Dynamo Camp ospita gratuitamente bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni con patologie gravi e croniche sia in terapia che in fase di post ospedalizzazione.

L’azienda ha, inoltre, sviluppato una partnership con WAMI “Water with a Mission” che ha sviluppato delle borracce brandizzate “We R Change”. Con la sua attività, WAMI trasforma un gesto ordinario, quello di bere acqua, in qualcosa di straordinario operando per ridurre l’impatto negativo della plastica sull’ambiente. Con ogni acquisto di una singola borraccia si donano 100 litri di acqua, contribuendo alla realizzazione di progetti idrici in villaggi bisognosi.

Con questa collaborazione anche Yves Rocher Italia ha contribuito a cambiare il mondo: con l’acquisto delle borracce il brand garantisce accesso all’acqua potabile a chi ne ha più bisogno ed è possibile, attraverso un codice, misurare il contributo della filiale italiana.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    zero waste dayyves rocheryves rocher legambienteyves rocher zero waste day
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

    Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.