A- A+
Innovazione
Investimenti in innovazione e formazione, Graded è case study alla Federico II

L’innovazione nel campo del fabbisogno energetico di Graded diventa caso di studio alla Federico II: la società napoletana del settore energetico guidata da Vito Grassi (nella foto), numero uno degli industriali napoletani e della Campania,  è stata protagonista di un progetto realizzato dagli studenti del corso di Economia politica alla Facoltà di Sociologia, Dipartimento Scienze sociali. Al centro del lavoro, firmato da Maria Petriccione, Roberta Quatraro e Giuseppe Rizzo, un’analisi dettagliata dell’ultimo bilancio aziendale che ha acceso i riflettori sugli investimenti effettuati in capitale umano e formazione del personale, innovazione, ricerca e sviluppo, green energy, tutela dei diritti dei lavoratori. “Un’impostazione strategica vincente, caratterizzata dalla cultura della responsabilità d’impresa -si legge nella relazione- che fa di Graded più di una semplice azienda di servizi energetici grazie soprattutto a uno sguardo lungimirante capace di individuare nuovi scenari”.

Elemento qualificante della società, secondo lo studio, infatti, è la scelta strategica di rinunciare a qualche lavoro “tradizionale”, con un ritorno economico più immediato, a favore di progetti di più ampio respiro e maggiormente focalizzati sull’innovazione. Decisione cui fa da corollario la selezione di personale altamente qualificato, spesso proveniente dall’Academy del Polo universitario di San Giovanni a Teduccio dedicata alla Digital Transformation, con una forte attenzione alla composizione di genere (negli ultimi anni Graded si è data l’obiettivo di incrementare il personale femminile) e una riduzione dell’età media (circa 45 anni).

Lo studio si conclude con un confronto tra Graded e una Spa operante nello stesso settore e in territorio analogo (anche se non sovrapponibile) ma che, a differenza di Graded, non investe nell’innovazione dei propri servizi in termini di avanzamento tecnologico ed efficientamento energetico, non mostra particolare attenzione al tema delle energie sostenibili e non punta sul rafforzamento del personale, generando però un maggiore indotto, nel breve-medio periodo, grazie alla scelta di lavori tradizionali. “La decisione di puntare sull’innovazione è effettivamente un costo oneroso da sostenere -conclude la relazione- ma non è soltanto un beneficio di immagine, bensì una chiara spinta alla crescita sul medio-lungo periodo che potrebbe portare Graded a pensare al futuro con ambizione in maniera legittima”.

 

Commenti
    Tags:
    ricercainnovazioneenergiaindustriali





    in evidenza
    Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi

    non poteva finire peggio

    Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi

    
    in vetrina
    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


    motori
    La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

    La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.