A- A+
Lavoro
Lavoro, "Al Sud si assume più che al Nord". I dati in esclusiva
donna lavoro

“Un’Italia fuori dalle sabbie mobili” ha dichiarato, durante un’audizione alla Camera dei Deputati, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, commentando i dati diffusi dall’Istat sulla disoccupazione, che nel mese di agosto 2015 è scesa all’11,9%. Un piccolo calo, -0,1% rispetto a luglio, ma che raggiunge il -0,7% rispetto ad agosto 2014. In un anno, infatti, hanno trovato un impiego 325.000 italiani in più, soprattutto donne se guardiamo i dati registrati ad agosto, in cui il tasso di occupazione femminile è cresciuto dell’1,6% rispetto al +1,4% di quella maschile. In questo mese si conserva, sostanzialmente, in trend di crescita degli occupati che era stato previsto nel mese di luglio (0,3%), poiché sono aumentati i lavoratori subordinati (+70 mila), specialmente quelli a termine (+45 mila). Questo sta a significare che non ci sono stati semplici picchi di assunzioni, ma stabilità di avvio dei rapporti di lavoro.  

L’Istat, però, mette in evidenza un dato molto preoccupante, che interessa soprattutto i giovani di età compresa fra i 15 e i 25 anni, e che, purtroppo, non rappresenta una novità ma una conferma. Ad agosto, infatti, il tasso di disoccupazione giovanile ha toccato il 40,7%, con un +0,3% rispetto a luglio, ma con un -2,3% rispetto ad un anno fa. Sono complessivamente 5 milioni i giovani tra inattivi e disoccupati; per questo sarebbe necessaria un’azione mirata di incentivo all’occupazione giovanile di cui si dovrebbe farsi carico lo Stato.

Ma se si guardano i dati Inps sulle denunce Uniemens, in base ad un’analisi dell’Osservatorio della Fondazione Studi dei Consulenti del lavoro, nel periodo gennaio – luglio 2015 si registra un saldo positivo di 706.128 unità tra rapporti di lavoro avviati ed interrotti. Di queste unità, 527.834 sono a tempo indeterminato: segno che l’esonero contributivo triennale per chi assume con contratto a tutele crescenti sta funzionando. Facendo un’analisi dei dati Inps regionali, il Sud registra un +155.139 unità rispetto al + 152.538 unità delle regioni del Centro Italia e al +139.212 unità registrato nelle regioni del Nord-Est.

I contratti a termine continuano ad essere troppi: ad agosto 2.449.000 unità, probabilmente perché il periodo estivo favorisce l’aumento di lavori stagionali o semplicemente perché l’ingresso nel mondo del lavoro passa attraverso un periodo di rapporto a tempo determinato per facilitare prima la conoscenza e, poi, la fiducia tra datore di lavoro e lavoratore. Ma i contratti a termine potrebbero fortemente diminuire se l’esonero contributivo triennale venisse confermato anche per il 2016.

Tags:
lavorosudnordoccupazione
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.