A- A+
Libri & Editori
Al via la "Libreria dei Podcast". La cultura costituzionale si mette online

2 giugno: nasce "La Libreria dei Podcast" della Consulta

Domani, 2 giugno, nasce La Libreria dei Podcast della Corte costituzionale, che - nel solco di altre analoghe iniziative e utilizzando uno degli strumenti oggi più diffusi nella comunicazione - si propone di promuovere la cultura costituzionale. "Una data fortemente simbolica, la Festa della Repubblica - sottolinea un comunicato della Consulta - per un progetto volto a diffondere e consolidare il sentimento di appartenenza alla res publica, intesa come comunità di donne, uomini e istituzioni impegnati a dare attuazione ai valori costituzionali, posti alla radice della nostra vita comune". 'La Costituzione e la Repubblica', della presidente Marta Cartabia, è il primo Podcast in uscita domani sul sito della Corte costituzionale e sui suoi canali social.

Podcast direttamente dalla penna dei giudici costituzionali accessibili a chiunque

La Libreria è composta di vari "scaffali", dedicati sia alla vita e all'attività della Corte costituzionale sia a temi e a momenti cruciali della storia repubblicana, raccontati attraverso la lente della Costituzione e della giurisprudenza costituzionale. I Podcast, firmati dai giudici costituzionali, sono approfondimenti accessibili a chiunque, si prestano ad essere utilizzati in ambito educativo e, destinati a durare nel tempo, intendono offrire a tutti uno strumento utile a capire meglio il passato, il presente e il futuro. Gli ascoltatori potranno così conoscere e approfondire, ad esempio, le ragioni che hanno portato alla nascita della Corte costituzionale ma anche quelle che ne hanno ritardato per otto anni il funzionamento. Potranno attraversare i cambiamenti nella vita delle donne, dei lavoratori, degli immigrati, dei detenuti, anche grazie agli interventi della Consulta. Potranno meglio comprendere che i diritti fondamentali costano, che le risorse finanziarie ne condizionano il livello di tutela ma che esistono diritti incomprimibili. Poi avranno la possibilità di addentrarsi nei meccanismi di decisione e di votazione della Corte costituzionale, di percepirne l'incidenza nella vita delle persone e delle istituzioni. E molto altro. I Podcast hanno una durata media di 20 minuti ciascuno, compresa la "punteggiatura" musicale, e per i primi 15 la periodicità è settimanale (ogni venerdì). La Treccani pubblicherà i Podcast via via in uscita anche sul suo portale, in una sezione dedicata. Rai Radio1 li trasmetterà dedicando approfondimenti all'interno dei suoi programmi, cominciando da 'Vivavoce' di Ilaria Sotis; Radio radicale dedicherà ai Podcast della Corte un appuntamento della domenica mattina e Radio 24 accompagnerà la loro pubblicazione con puntate speciali di 'Storiacce', di Raffaella Calandra, e con una sezione ad hoc del sito.

Loading...
Commenti
    Tags:
    libreria del podcastcultura costituzionaleconsultacorte costituzionale
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ecco la nuova Bmw Serie 4 Coupe’, stile tradizionale, nuova grinta

    Ecco la nuova Bmw Serie 4 Coupe’, stile tradizionale, nuova grinta


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.