A- A+
Libri & Editori
Coronavirus, l'editore perugino che dona un eBook contro lo stress casalingo

Di Lorenzo Pastuglia

Nel momento più difficile, gli italiani si uniscono con le iniziative più belle. Come quella di Jean Luc Umberto Bertoni - un editore perugino di 49 anni nato da genitori emigrati in Francia e trasferitosi in Umbria a soli 10 anni - che ha deciso di donare un eBook di narrativa delle sue collane senior e junior (dunque in formato Pdf) a tutti i cittadini del Paese, per non sprecare il tempo libero in casa che il Coronavirus sta forzatamente concedendo a moltissime persone. Si chiama #piùlibrimenostressnellazonarossa e l'iniziativa è valida per tutto il mese di marzo. La modalità è piuttosto semplice: basta cliccare sul sito della Bertoni Editore, scegliere un libro a piacimento (uno solo a persona disponibile) nella sezione eBook, scaricarlo e leggerlo. Il tutto senza pagare neanche un centesimo. Ogni giorno verranno caricate 20 produzioni diverse, dunque niente paura se in una giornata non ci sono libri che interessano: basterà aspettare quella seguente per proseguire nella scelta. “Una storia può aiutare a combattere lo stress, l’ansia e la depressione che può generarsi stando forzatamente in casa queste settimane. Finora abbiamo ricevuto 3mila mail dopo che la nostra idea è stata pubblicata sul Mid (il ministero per l'Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione, ndr) e sui principali giornali italiani. E a poche ore sono stati fatti 5mila download”, commenta orgoglioso Bertoni. 

Un libro in tutta Italia

L’idea dell'editore perugino è nata venerdì 6 marzo ed era inizialmente rivolta ai paesi lombardi e veneti della zona rossa. Poi con il nuovo decreto del governo Conte, domenica 8, l’iniziativa è stata estesa anche all’intera Lombardia e alle 14 provincie interessate dal provvedimento, considerate tutte come zona arancione: Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia. Con il nuovo dpcm che ha fatto diventare l’Italia completamente zona rossa, e vieta gli spostamenti se non per ‘comprovate necessità’, l’offerta è stata estesa a tutti i cittadini del Paese. Chiunque, dunque, avrà la possibilità di gustarsi un libro della casa editrice perugina una volta terminato di lavorare, da remoto o non, leggendoselo comodamente protetto dalle propria mura domestiche contro il virus.

Schermata 2020 03 13 alle 20.33.09

La prima iniziativa culturale 

Quella di Bertoni è la prima iniziativa di tipo culturale che anticipa tutti sul tempo. Anche una casa editrice di primo livello come il Gruppo Mondadori, che sempre sul sito del Mid, e sui social, ha dato avvio alla stessa idea qualche ora dopo: “Oltre ai beni primari, la lettura è importante perché uno strumento di evasione - racconta Jean Luc -. E che la nostra iniziativa si stia rivelando utile lo dimostrano i dati raccolti durante la campagna e le testimonianze dei lettori”. Infatti, nei primi tre giorni erano già 10mila le persone raggiunte sulle pagine ufficiali Instagram e Facebook della Bertoni. Tra queste anche un cliente commosso di Casalpusterlengo, nel lodigiano, uno dei principali focolai del contagio: “Ci ha scritto una mail sottolineando come la nostra sia la prima proposta ad abbracciare la cultura non dal punto di vista didattico, ma di intrattenimento - dice l’editore -. L’ha paragonata a uno ‘strappo’ che i lettori vivono intimamente, dato che la loro biblioteca comunale è chiusa e tutto ciò allontana le persone più fragili dalla lettura. Per me è un orgoglio poter dar loro un’emozione”. E a proposito dei comuni centro principale del contagio, dopo aver mandato diversi comunicati stampa “un paio di loro ci hanno risposto con la volontà di sensibilizzare la nostra proposta sui loro profili ufficiali - spiega Bertoni -: la città di Castelgerundo (in provincia di Lodi, ndr), grazie al sindaco Daniele Santarelli, e quella di Vo’ (Padova), tramite l’ufficio protocollo”.

Come nasce la Bertoni Editore 

La passione per i libri in Bertoni nasce e cresce tra gli scaffali della biblioteca del “Bernardino di Bietto”, il Liceo artistico frequentato ai tempi delle superiori: “Ogni settimana leggevo in media due libri, in particolare la narrativa italiana del ‘900. Poi coltivando questo amore sono riuscito a trasformarlo in professione”, racconta. Prima giornalista, con anche un lavoro nel campo della comunicazione, l’attività di editore diventa seria nel 2015, dopo che “dal 2000, per anni, ho presentato dei festival letterari in Toscana”. Cinque anni fa “mi arrivavano 10 proposte di libri al giorno. Nel 2019 ne abbiamo pubblicati 100 - dice Bertoni -. Le richieste oggi sono tante, la nostra è una casa editrice che si sta allargando sempre di più e i prodotti dei nostri scrittori sono in vendita in circa 500 librerie d’Italia: da Nord a Sud”. In totale ha lanciato 300 scrittori, suddivisi nei suoi cinque marchi: la Bertoni Editore, che ha 12 collane di narrativa: dai thriller ai romanzi storici, dai libri di formazione alle biografie; la Poesia Edizioni, 10 collane poetiche di 10 rispettivi curatori; la Bertoni Scuola; la Bertoni Campus per la saggistica e la Bertoni Junior, dedicata ai piccoli lettori. E proprio quest'ultima, insieme alla Bertoni Editore, è la collana scelta per #piùlibrimenostessnellazonarossa. Gli obiettivi ora sono due: crescere sempre di più, ma prima di tutto donare un’emozione a chi è bloccato dal virus.

Commenti
    Tags:
    coronavirusperugialibroeditoremalattiacasalettura
    in evidenza
    Jo Squillo in burqa per le donne La protesta scade nel ridicolo

    GF VIP 2021

    Jo Squillo in burqa per le donne
    La protesta scade nel ridicolo

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

    Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.