A- A+
MediaTech
Al Sole 24 Ore il primato digitale. Ancora sospese le copie multiple

DIFFUSIONI QUOTIDIANI: a luglio i quotidiani in negativo. Al Sole 24 Ore il primato digitale. Ancora sospese le copie multiple. Repubblica perde la spinta del sostegno sul digitale
 
Ancora un mese di rilevazioni ADS sulle diffusioni dei quotidiani senza il conteggio delle copie digitali multiple. In attesa del nuovo regolamento, il confronto a perimetro omogeneo tra luglio 2016 e luglio 2015.
 
Per le diffusioni dei quotidiani relative al mese di luglio 2016 un'altra rilevazione di Ads senza il conteggio delle copie digitali multiple, cioè quelle che vedono un solo acquirente di più copie. Si tratta della quarta rilevazione senza questo dato, da quando lo scorso giugno Ads ha comunicato, in occasione delle rilevazioni delle diffusioni dei quotidiani di aprile, di sospendere il computo di questa tipologia di copie in attesa di conoscere i risultati della consulenza tecnica avviata da Ads dopo una richiesta di chiarimenti avanzata dal gruppo Condè Nast rispetto a concorrenti del segmento periodici. Da qui la decisione di sospendere temporaneamente il conteggio delle copie digitali multiple, in attesa di un nuovo regolamento che permetta di rilevare nel computo totale copie che risultano molto importanti nel segmento B2B e che nel panorama digitale si uniscono alle copie singole (quelle vendute one-to-one) e a quelle in abbinata con le copie cartacee. In questo scenario il confronto tra le rilevazioni 2015 e 2016 va fatto allora a perimetro omogeneo, ovvero senza conteggiare le copie multiple del 2015 per vedere l'effettiva crescita o calo tra le stesse voci da un anno all'altro.

Sul totale diffusioni Carta + Digital il podio vede i tre principali quotidiani nazionali in segno negativo: Corriere della Sera al primo posto con 328.494 copie e un calo pari a -10,7% rispetto a Luglio 2015, Repubblica seconda con 282.211 e un calo importante pari a -17,5%, Il Sole 24 Ore terzo con 237.127 copie ma un calo più contenuto pari a -8,1%. 

Sul fronte digitale Il Sole 24 Ore mantiene il primato assoluto, anche senza le copie multiple che rappresentano una bella fetta in quanto legato al suo tradizionale target B2B. Il podio vede quindi al primo gradino il quotidiano economico finanziario con 112.577 copie e una crescita pari a +4,2%, seguono distaccati il Corriere della Sera con  71.525 copie stabile a -0,6% e Repubblica con 30.348 copie ma un crollo pari a -43,0%. A spiegare il calo nelle copie digitali è intervenuto il Direttore Generale della Divisione Digitale dell'Espresso Massimo Russo che ha dichiarato: "Sono giunti a scadenza allineata una serie di abbonamenti, frutto di politiche di marketing aggressive, rivolte anche ai residenti all'estero. Abbiamo deciso di non rinnovarle perché non vantaggiose sotto il profilo economico". Come dire che senza sostegno le copie digitali di Repubblica crollano.

Tags:
quotidiani digitalidati diffusionecopie digitaliquotidiani
in evidenza
Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

Euro 2020, super Italia

Gioiello di Pessina, Galles ko
Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.