A- A+
MediaTech
Ascolti Tv / la Lega di Serie A tratta ancora con Mediapro

Una valutazione complessiva «positiva dell’offerta», ma «alcuni aspetti da chiarire».
Per questo la Lega della Serie A ha deciso di tenere aperta l’assemblea di ieri presieduta da Gaetano Micciché in cui i club avrebbero dovuto deliberare sulla proposta del canale televisivo di Mediapro che frutterà un minimo di 1,15 miliardi di euro all’anno per i prossimi due trienni, dal 2021 al 2027, più 55 milioni per i diritti d’autore e 78 milioni per i costi di produzione, per un totale di circa 1,28 miliardi all’anno. 

La realizzazione di un canale televisivo della Lega sembra quindi ormai vicina come spiega ItaliaOggi, al secondo tentativo di Mediapro in Italia, dopo quello non andato a buon fine lo scorso anno nonostante la vincita del bando sull’assegnazione dei diritti. Condizione iniziale della nuova proposta, però, è che si ponga fine al contenzioso fra la Lega e gli spagnoli nato proprio in seguito alla risoluzione del contratto decisa dai club a maggio 2018 perché Mediapro non aveva presentato la fi deiussione da 1,2 miliardi di euro nei tempi stabiliti. Per porre fine alla questione Mediapro verserebbe 90 milioni, recuperando però i 64 milioni di caparra che via Rosellini ha trattenuto finora. Il progetto al vaglio ora è quello di un canale chiavi in mano e di contenuti audiovisivi per le partite della Serie A, prodotti e commercializzati in esclusiva dalla società spagnola con l’obiettivo di far fruttare maggiormente i diritti televisivi del calcio grazie a offerte plurime, dirette a spettatori e operatori. La Lega, dal canto suo, sceglierà il direttore del canale e manterrà la direzione editoriale, compresa la definizione del palinsesto.

Il prodotto sarà live e on demand, avrà la diretta di tutti gli eventi oltre a un programma contenitore, con collegamenti e interazione tra i campi specifica ItaliaOggi, una sorta di Tutto il calcio televisivo. Poi la differita delle immagini salienti, gare del passato, programmi di approfondimento ed eventualmente altre trasmissioni di carattere sportivo.

A garantire il minimo di 1,3 miliardi di ricavi dall’operazione sarà anche questa volta una fideiussione del gruppo spagnolo. Peraltro, nel caso la commercializzazione frutti più di 1,3 miliardi scatterà una forma di revenue sharing fra i due soggetti. Ora la decisione sarà presa entro 15 giorni, il termine massimo dell’assemblea lasciata aperta. Nell’incontro di ieri i club hanno anche deciso che calendario della Serie A 2019/2020 sarà compilato con il metodo tradizionale «a specchio» utilizzato finora, ma allo stesso tempo sarà effettuato uno studio sull’impatto, per la prossima stagione, di un sorteggio con modalità differenti.

Commenti
    Tags:
    ascolti tvlega seria aserie amediapro diritti tvmediapro diritti tv serie a
    in evidenza
    La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

    Guarda la gallery

    La confessione di Francesca Neri
    "Sono una traditrice seriale"

    i più visti
    in vetrina
    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

    Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

    Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.