A- A+
MediaTech
Bonaccini da applausi a Tagadà: si infervora con Tiziana Panella
(fonte Lapresse)

Oggi mi sono molto divertito a Tagadà (La7). Non lo guardo mai, ma l'apparizione di Bonaccini in un riquadro mi ha incuriosito, parlava lui e sono rimasto. Stimo molto il presidente dell'Emilia-Romagna, un comunista serio, equilibrato, né fanfarone, né aggressivo. Ma oggi, aggressivo, lo è diventato per dare alla conduttrice una meritatissima quanto energica ripassata.

La conduttrice è la collega Tiziana Panella, una napoletana di Caserta, bella donna e già moglie di un bravissimo collega. Naturalmente schierata, sennò il compagno Salerno non le lascerebbe il programma. Gran lavoratrice, puntigliosa, scrupolosa, serissima. Pensate che, sotto il profilo professionale, riesco a trovarle solo due difetti.

Uno: il volume/tono della voce, che sembra quello di una lavandaia in comunicazione, senza altoparlante, con una compagna a cinque lavatoi di distanza. Insomma, non uno stile da salotto.

Due: l'ipersensibilità incontenibile all'avversario politico. Prima le accadeva con Berlusconi. Ora con Salvini. Non è capace di sentire la parola Lega o fare il nome di Salvini, senza che le venga di schizzare un po' di veleno, di mandare una frecciata, di fare - come diciamo a Napoli - una ripassatura. È più forte di lei. Un riflesso pavloviano. Una reazione in automatico. E su questo si è incazzato oggi Stefano Bonaccini.

Si parlava del disastro della chiusura del mercato sciistico annunciata "ad horas", del pesante intervento del ministro Garavaglia, del colloquio Salvini-Zingaretti. E la Panella non ha saputo resistere alla tentazione di una frecciata per il leader leghista. Nel riquadro Bonaccini s'è imbelvito, come non gli accade quasi mai. "Ma che c'entra Salvini? - ha cominciato a urlare sbracciandosi - Cosa gliene frega di Salvini e Zingaretti a questa gente che sperava di cominciare un lavoro, dopo mesi e mesi di disoccupazione, e lo ha perso prima di partire? Cosa c'entra Salvini? A questi che sono rimasti senza soldi e senza lavoro non interessa miente la politica!..."

Bravo Bonaccini. Standing ovation. Forse non sarà mai assunto a La7. Ma credo che abbia piantato un solido paletto per diventare forse segretario del PD, o ministro di un prossimo governo, o chissà presidente del Consiglio. Non sono comunista, ma so levarmi il cappello davanti alla politica vera. Ho sempre rispettato - come don Camillo Peppone - i sindaci Compagni con la C maiuscola che Bologna ha avuto: Dozza, Zàngheri... Bonaccini ne è degno. E la partaccia in diretta alla Panella lo ha confermato.

Commenti
    Tags:
    bonaccinibonaccini tagadàtiziana panellatiziana panella tagadàtiziana panella bonaccini
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Hunziker: "Covid? Non ci dormivo Ma poi cercavo di far ridere"

    L'intervista di Affari. VIDEO

    Hunziker: "Covid? Non ci dormivo
    Ma poi cercavo di far ridere"

    i più visti
    in vetrina
    Meteo marzo impressionante! Tornano neve in pianura e gelo intenso

    Meteo marzo impressionante! Tornano neve in pianura e gelo intenso


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La ripartenza sarà green, trainata dalla mobilita’ elettrica

    La ripartenza sarà green, trainata dalla mobilita’ elettrica


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.