A- A+
MediaTech
“Elon Musk deve rifondere il mercato con 258 mld di dollari": l'accusa choc

Elon Musk

Chiesti 258 miliardi di risarcimento a Elon Musk

Non si diventa l’uomo (di gran lunga) più ricco del mondo senza farsi qualche nemico. Diciamo però che Elon Musk sta iniziando ad avere una lista sempre più composita di persone che non amano il suo stile. L’ultimo in ordine di tempo è un investitore, Keith Johnson, il quale ha deciso di chiedere al magnate sudafricano e alle sue Tesla e Space X 258 miliardi di dollari. La monumentale cifra (supera perfino il patrimonio personale di Musk) dipende dalla convinzione di Johnson che Musk abbia manipolato il mercato attraverso una truffa piramidale condotta tramite Twitter.

Un passo indietro. La truffa piramidale - resa famosa dal cosiddetto “schema Ponzi” di inizio ‘900 e portata alla ribalta in tempi più recenti da Bernie Maddoff – è una modalità ingannevole che si basa sul passaparola. Spiegata in pochi passaggi: un soggetto, truffatore, chiede a un paio di persone delle cifre in cambio di un investimento particolarmente profittevole. Con quei soldi inizia a pagare dei rendimenti altissimi, convincendo i primi investitori della bontà dell’operazione e spingendoli a chiedere ad altre persone di aderire. Una volta che la piramide diventa sufficientemente ramificata e che le cifre in ballo diventano sempre più consistenti, il truffatore può decidere di staccare la spina e scappare con il malloppo.

L’accusa a Musk è analoga. Attraverso il suo account Twitter avrebbe spinto il mercato a sovraprezzare la criptovaluta Dogecoin, fino a farla valere quasi 50 miliardi di dollari. Avrebbe impiegato cinguettii ed emoticon per convincere il suo pubblico di riferimento a puntare sulla moneta digitale e poi, una volta raggiunta la massa critica, avrebbe staccato la spina al meccanismo, provocando un tracollo sul mercato. Oggi, infatti, Dogecoin vale meno di un decimo dei livelli raggiunti sotto la spinta di Musk, che aveva parlato apertamente della bontà della criptovaluta e aveva postato spesso foto di un cane shiba, icona della moneta digitale

Le richieste dell’investitore Keith Johnson ammontano, come detto, a 258 miliardi di dollari, di cui 86 miliardi sono le perdite realizzate da chi ha investito nel Dogecoin e 172 miliardi in danni. Non è chiaro nella denuncia di Johnson quale sia lo scopo della manipolazione del mercato che Musk avrebbe messo in atto: arricchirsi ulteriormente? Dimostrare la fallacia del sistema finanziario americano? Combattere la noia? Quello che è certo è che il magnate sudafricano non riesce a rimanere troppo a lungo lontano dai riflettori, dopo che nelle scorse settimane era addirittura circolata la voce che la sua opa su Twitter, ancorché completata, potesse essere realizzata anche grazie ai soldi dei russi

Le altre accuse rivolte a Musk

Non è la prima volta che Musk viene accusato di “giocare” con l’universo cripto. Basti pensare all’oscillazione provocata ai bitcoin quando, in un primo momento, aveva dichiarato di essere pronto a far pagare le sue Tesla con la più famosa criptovaluta, provocando un incremento esponenziale delle valutazioni. Poi aveva fatto marcia indietro, dichiarando che i bitcoin inquinano troppo. In questo modo aveva causato un tracollo della capitalizzazione di mercato

Anche con Twitter, nell’estenuante trattativa per l’acquisizione del social, si è spesso comportato in maniera opaca, tanto che alcuni membri del board dimissionario del social network si sono rivolti alla Sec accusando Musk di aver risparmiato centinaia di milioni di dollari non effettuando le comunicazioni della sua salita nel capitale a tempo debito. Vedremo come si chiuderà questa nuova controversia.
 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    elon musk





    in evidenza
    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

    Europee/ L'idea di Lancini

    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
    C'è la casella Stop utero in affitto

    
    in vetrina
    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

    Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


    motori
    Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

    Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.