A- A+
MediaTech
Euronews licenzia 200 dipendenti. A rischio anche la redazione italiana

Euronews "sfoltisce" il personale. A rischio anche la redazione italiana

Euronews verso il taglio di circa 200 dipendenti. Il drastico piano di ristrutturazione, si spiega, è “conseguenza di perdite, che da un decennio circa viaggiano al ritmo di 15-20 milioni l’anno, malgrado finanziamenti ricevuti dall’Europa nell’ordine di diverse decine di milioni”.

Ora, per il futuro, i nuovi proprietari “puntano in parallelo a trasformare il segnale tv in un prodotto distribuito su diverse piattaforme digitali web”. La maggior parte dei giornalisti verrà spostata nella sede di Bruxelles, che “diventerà il nuovo quartiere generale dell’emittente”, mentre a Lione “sopravviverà un presidio residuale con le equipe di lingua russa, francese, turca e persiana”.

Incerto il futuro della redazione italiana

Secondo il sindacato nazionale francese dei giornalisti (SNJ), in assemblea straordinaria la direzione avrebbe presentato un piano che “prevede 198 licenziamenti” entro ottobre 2024 a Lione – su circa 500 dipendenti. 

Come scrive Primaonline, per ClubMediaItalie, “incerto è il futuro della redazione italiana, che conta una quindicina di giornalisti madrelingua, alcuni dei quali provenienti dalla Rai, e che rappresenta la maggiore realtà giornalistica di lingua italiana al di fuori dei confini nazionali”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
euronewslicenziamenti





in evidenza
Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

Politica

Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento


in vetrina
Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


motori
Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.