A- A+
MediaTech
Facebook, per Qwant è necessario tutelare la privacy di chi naviga in rete

Facebook travolta dallo scandalo sull’abuso dei dati sensibili di 50 milioni di utenti, in cui pare essere coinvolta anche la società di consulenza politica Cambridge Analytica, sull’utilizzo dei dati per veicolare messaggi e propaganda a fini elettorali. In Italia, l’AGCOM ha richiesto a Facebook informazioni circa "l'impiego di dati per finalità di comunicazione politica da parte di soggetti terzi".

“L’attuale dibattito che vede coinvolti Cambridge Analytica e Facebook porta l'attenzione dell'opinione pubblica, ancora una volta, sul tema della privacy e ci permette di capire come questa, non sia qualcosa di astratto.” – Ha commentato Fabiano Lazzarini, Country Manager di Qwant Italia. – “L’utilizzo sofisticato, tramite tecnologia, dei dati delle persone, permette di influire nel tempo, in modo scientifico e costante, sulle scelte che ognuno di noi compie quotidianamente: non solo legate ai consumi, ma soprattutto relative alla costruzione delle nostre opinioni e idee inerenti alle sfere più importanti e intime della nostra esistenza. Tutto ciò, riportato ai milioni di utenti implicati nel caso, ci apre gli occhi su come masse di popolazione possano essere influenzate e spinte in determinate direzioni.”

La forte consapevolezza di queste tematiche e di ciò che le tecnologie di profilazione possono realmente fare, è alla base del progetto Qwant, il motore di ricerca europeo che non traccia in alcun modo le ricerche degli utenti e che fa del rispetto della privacy e della imparzialità dei risultati la propria forza. E’, infatti, importante sottolineare come un browser sia ancora più potente rispetto a un social network nella raccolta dei dati e quindi nella creazione del profilo dell’internauta, sulla base del quale verranno decisi i messaggi da veicolarci per influenzare le masse.

“Ci troviamo dunque di fronte a un caso che non stupisce gli operatori già consci delle dinamiche in atto, ma che permette all'opinione pubblica di iniziare a prendere coscienza di una tematica che sarà sempre più centrale per garantire libertà alle persone.” Continua Lazzarini. “L’accesso alle fonti informatiche deve essere paritario per tutti, per evitare la compromissione dei risultati soprattutto durante le sfide elettorali. Siamo disposti ad andare più in profondità per risolvere il problema, anche attraverso l’istituzione di una commissione ad hoc.”Così si è espresso Giovanni Buttarelli, Garante Europeo della Protezione dei Dati.

Tags:
facebookqwantqwant scandalo facebook
in evidenza
Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

Euro 2020, super Italia

Gioiello di Pessina, Galles ko
Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.