A- A+
MediaTech
Gedi cercò sponde nel governo Conte I. "In palio" anche la linea di Repubblica

La Finanza: "Gedi cercava sponde nel governo Conte I per rilanciare Repubblica". Le intercettazioni

"I vertici del gruppo Gedi volevano agganciare il governo Conte-1, anche attraverso una linea editoriale diversa per Repubblica, visti i problemi economici del giornale". Lo scrive il Fatto Quotidiano, citando l’interpretazione che la Guardia di Finanza dà di una conversazione intercettata "fra Monica Mondardini – che da poco aveva lasciato il suo ruolo di ad del gruppo – e Roberto Moro, in quel momento direttore delle Risorse Umane. Mondardini e Moro sono fra i 101 indagati dalla Procura di Roma nell’inchiesta sulla presunta truffa all’Inps relativa ai prepensionamenti portati avanti dal 2009 dalla società che edita Repubblica e L’Espresso".

ESCLUSIVA AFFARI, Vito Crimi risponde alle accuse: "Mai incontrato i vertici Gedi"

Il Fatto Quotidiano ricostruisce i presunti eventi a partire dal 28 agosto 2018, tre mesi dopo la nascita del governo Conte I. "La Finanza scrive: “Moro e Mondardini discutono delle problematiche che riguardano il giornale in ragione anche del nuovo governo e del fatto che la linea sia non cambiata molto se non addirittura peggiorata”.

Mondardini al telefono dice: “(...) un signore che per carità è cortese ma non si sa cosa pensi non si esprime non parla non... in una persona che per carità sarà professionale (...) ma che sicuramente non è in grado così... non fa parte del nostro mondo e non è in grado di dare... sarà questo il leitmotiv”. Moro si dice d’accordo e aggiunge: “(...) comunque l’azienda nel complesso quando ha fatto gli utili no? Per tanto tempo e adesso ci deve essere anche il sacrificio dell’azionista, che è un tema diverso dal fare l’azionista”.

Secondo quanto scrive il Fatto, "per i pm l’ex ad Mondardini voleva contatti col governo di allora (...) È del 2 settembre 2018, quattro giorni dopo, la conversazione intercettata tra Mondardini e Francesco Dini (non indagato), dirigente Cir Spa, in cui si parla dell’incontro istituzionale da lui avuto con Vito Crimi, all’epoca sottosegretario all’Editoria. Dini commenta: “La cosa è andata straordinariamente", conclude il Fatto. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    conte igedirepubblica
    in evidenza
    In gol Arturo Calabresi È il figlio del Biascica di Boris

    Coppa Italia, Roma-Lecce

    In gol Arturo Calabresi
    È il figlio del Biascica di Boris

    i più visti
    in vetrina
    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa

    Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.