A- A+
MediaTech
“Horizon Europe” 95000 milioni di euro per l’Europa del futuro scientifico

“Horizon Europe” è il piano che sarà lanciato in questo semestre dall’Europa per garantirle un balzo verso il futuro scientifico e tecnologico.

Con 95000 milioni di euro (30% in più del precedente programma) è il più grande piano di ricerca e innovazione tra nazioni nel mondo.

Si inserisce in un momento chiave per il vecchio continente che sta preparando il suo piano Marshall per ripresa dopo la pandemia, Next Generation Eu. Il piano ha l’obiettivo di trasformare radicalmente l'economia europea attraverso la digitalizzazione e la lotta ai cambiamenti climatici.

Questa “fabbrica di Nobel”  poggia su tre pilastri: il Consiglio europeo della ricerca (ERC), dotato di 16.000 milioni di euro per i migliori progetti presentati dai ricercatori europei; le azioni Marie Skłodowska-Curie, con 6,4 miliardi di euro per fornire agli scienziati nuove conoscenze attraverso mobilità e formazione, e i finanziamenti per le infrastrutture di ricerca (2,4 miliardi). Questi contributi saranno arricchiti anche da altri paesi al di fuori dell'UE, come Svizzera,Norvegia e Regno Unito.

Horizon Europe sosterrà i ricercatori e non i centri universitari, affinché possa essere lo scienziato in proprio a decidere con chi lavorare.

Il secondo “step” del piano, dotato di 50.000 milioni, è destinato ad aiutare tutto il mondo scientifico che sta tra l’università e l’azienda. L’UE produce circa il 20% di tutta la ricerca e sviluppo globale e un terzo delle pubblicazioni scientifiche. Tuttavia, l'importo stanziato dalle aziende per la ricerca e lo sviluppo è equivalente solo all'1,3% del prodotto interno lordo (PIL), rispetto al 2% degli Stati Uniti, al 2,6% del Giappone o al 3,3% della Corea del Sud.

Bruxelles coprirà così il 50% del progetto presentato, mentre il settore privato si incaricherà dell'altra metà. Otto le aree di ricerca: cultura, salute, sicurezza, inclusione sociale, clima ed energia, industria digitale e spaziale, alimentazione ed agricoltura.

Oltre a questo imponente ed ambizioso programma ve ne è un altro dedicato alla creazione di “start up” impegnate soprattutto nell’intelligenza artificiale o nella mobilità elettrica.

L'UE vuole dare ai suoi ricercatori la massima flessibilità, ma considera prioritari tre aspetti: il campo della salute e la lotta alla pandemia, con 5,4 miliardi di euro dal piano di ripresa Next Generation EU, la green economy e la digitalizzazione. Al contempo ha definito priorità di lavoro su cinque missioni: cambiamento climatico, cancro, oceani, città intelligenti e cibo.

Il tutto per creare una potente massa critica di intelligenze europee rivolte al futuro.

Commenti
    Tags:
    europaricercaclimainnovazionenext generationpiano marshall
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Francesca Lodo in lacrime I naufraghi contro Paul Gascoigne

    Caos all'Isola dei Famosi 2021. Video e foto

    Francesca Lodo in lacrime
    I naufraghi contro Paul Gascoigne

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: weekend di temporali e freddo al Sud, torna la neve al Nord

    Previsioni meteo: weekend di temporali e freddo al Sud, torna la neve al Nord


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Mercedes EQS, l’ammiraglia full electric

    Nuova Mercedes EQS, l’ammiraglia full electric


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.