A- A+
MediaTech
Intel, la crisi dei pc costa 12 mila posti di lavoro
Intel cambia: dai pc a cloud e IoT

Intel fa i conti con gli effetti collaterali del mobile: il declino del pc porterà a 12 mila licenziamenti. Più di un dipendente su dieci andrà a casa. Non si tratta solo di un tentativo di ridurre i costi ma di una trasformazione aziendale che cambierà Intel per come la conosciamo oggi.

Il declino del pc è un trend consolidato. Ecco perché il gruppo alleggerirà quella divisione per puntare su cloud e IoT. Lo aveva già fatto nel 2014, con un taglio di 5 mila posti per la stessa motivazione: i pc si vendono meno. La transizione che valorizza i settori che più hanno reso negli ultimi tempi. Data center e IoT valgono per Intel già 2,2 miliardi di ricavi l'anno e il 40% del fatturato. Lo ha confermato il ceo Brian Krzanich in una nota: “L'opportunità è sfruttare questo momento e concentrare i nostri sforzi”.

Il piano di licenziamenti sarà graduale. I lavoratori potranno lasciare Intel su base volontaria e buona parte del taglio si concretizzerà entro un anno, per un risparmio di 750 milioni di dollari. Cresceranno invece gli investimenti per cloud e IoT. Questo è il futuro che Intel ha scelto.  

Iscriviti alla newsletter
Tags:
intellicenziamenti intelvendite pc in crisiiotcloud intel
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.