A- A+
MediaTech
L'Antitrust di nuovo contro Meta: "Distorce mercato della pubblicità online"
Mark Zuckerberg

Meta, nuove pesanti accuse dall'Antitrust su Facebook Marketplace

La Commissione europea ha informato Meta della sua opinione preliminare secondo cui la società ha violato le norme antitrust dell'Ue distorcendo la concorrenza nei mercati della pubblicità online. La Commissione contesta a Meta di legare il suo servizio di annunci online, Facebook Marketplace, al suo social network personale, Facebook. La Commissione teme inoltre che Meta stia imponendo condizioni commerciali sleali ai concorrenti di Facebook Marketplace a proprio vantaggio.   

La contestazione preliminare della Commissione rileva che Meta ha abusato delle proprie posizioni dominanti nei seguenti due modi: in primo luogo, collegando il suo servizio di annunci economici online Facebook Marketplace con il suo social network personale dominante Facebook. Ciò significa che gli utenti di Facebook hanno automaticamente accesso al Marketplace di Facebook, che lo vogliano o meno.

La Commissione teme che i concorrenti di Facebook Marketplace possano essere preclusi in quanto viene conferito a Facebook Marketplace un vantaggio di distribuzione sostanziale che i concorrenti non possono eguagliare.

In secondo luogo, Meta impone unilateralmente condizioni commerciali sleali ai servizi di annunci economici online concorrenti che fanno pubblicità su Facebook o Instagram. La Commissione teme che i termini e le condizioni, che autorizzano Meta a utilizzare i dati relativi agli annunci derivati dai concorrenti a vantaggio del Marketplace di Facebook, siano ingiustificati, sproporzionati e non necessari per la fornitura di servizi di pubblicità sulle piattaforme di Meta.

Tali condizioni impongono un onere ai concorrenti e avvantaggiano solo il Marketplace di Facebook.    Se confermate, tali pratiche violerebbero l'articolo 102 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea ("Tfue") che vieta l'abuso di posizione dominante sul mercato.    

Una comunicazione degli addebiti è un passo formale nelle indagini della Commissione su sospette violazioni delle norme Antitrust dell'Ue. La Commissione informa per iscritto le parti interessate degli addebiti sollevati nei loro confronti. I destinatari possono esaminare i documenti del fascicolo dell'indagine della Commissione, rispondere per iscritto e richiedere un'audizione orale per presentare le loro osservazioni sul caso davanti ai rappresentanti della Commissione e alle autorità nazionali garanti della concorrenza.     

L'invio di una comunicazione degli addebiti e l'apertura di una formale istruttoria antitrust non pregiudica l'esito delle istruttorie. Se la Commissione conclude, dopo che la società ha esercitato i suoi diritti di difesa, che vi sono prove sufficienti di un'infrazione, può adottare una decisione che vieti il comportamento e imponga una multa fino al 10% del fatturato mondiale annuo della società.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antitrustfacebookue





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni

Sardegna, Elly e Todde si guardano negli occhi... L'intesa vincente prima delle elezioni


motori
La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

La Nuova Toyota GR Yaris: nata dal Rally, perfetta per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.