A- A+
MediaTech
L'Espresso passa a Bfc Media per 4,5 milioni
Danilo Iervolino, presidente di Bfc Media

L'Espresso passa al gruppo Bfc Media

Ora c'è l'ufficialità: Bfc Media, il gruppo editoriale di proprietà dell'imprenditore Danilo Iervolino, e Gedi hanno firmato l'accordo preliminare vincolante per la cessione de L'Espresso. Il closing dell'operazione, a meno che non vi siano improbabili colpi di scena, è previsto per il 31 maggio prossimo.  "I rami d’azienda - si legge nella nota emessa da Bfc - vengono acquisiti senza debiti, né crediti. Il controvalore dell’operazione ammonta al massimo a 4,5 milioni di euro, totalmente finanziati attraverso disponibilità liquide di Bfc Media, che verranno corrisposti in due soluzioni: la prima da 2,5 milioni al momento del closing e la seconda entro il 31 dicembre 2022. L’esborso finale potrà subire delle diminuzioni per effetto dei risconti relativi alla vendita di abbonamenti già incassati, ma che produrranno i loro effetti nei prossimi mesi e che il gruppo Gedi trasferirà in capo all’acquirente".
Nel 2021, il settimanale L'Espresso ha prodotto circa 10 milioni di ricavi, con un Ebitda margin allineato a quello delle testate edite da Bfc Media.  L'editore fondato da Denis Masetti ha chiuso lo scorso anno con ricavi in crescita a 16,4 milioni e un Ebitda a 2,2 milioni. Nella nota si legge anche che l'Espresso "contribuirà a dare un forte impulso allo sviluppo di Bfc Media, anche attraverso un importante progetto digitale che comprenderà video, podcast, eventi e attività social".

L'Espresso, morto Carlo Gregoretti

Il giornalista Carlo Gregoretti, che esordì giovanissimo sulle pagine della settimana "L'Espresso", diventando in seguito vicedirettore di "Panorama" e direttore di "Epoca", è morto a Roma all'età di 91 anni. I funerali si terranno sabato 7 maggio alle ore 10 nella Basilica di Santa Sabina a Roma. Nato a Roma il 12 novembre 1930, Gregoretti inizia a lavorare poco più che ventenne a "Cronache". Fu il più giovane del piccolo gruppo di giornalisti con cui Arrigo Benedetti nell' ottobre del 1955 passa a settimana "L'Espresso". Divenne noto alle cronache per una serie di articoli riguardanti strane manovre avvenute all'interno del Sifar, il Servizio informazioni forze armate libere nel 1966. Tra l'altro Gregoretti nel 1969 pubblicò un articolo dal titolo "Il generale Gas accusa l'ex capo del Sifar. Perché De Lorenzo fa ancora paura", a commento di una lettera inviata dal generale Paolo Gaspari al periodico a tutela della propria onorabilità e contro il generale Giovanni De Lorenzo, e per il quale venne processato a Roma per diffamazione. Passato a "Panorama", Gregoretti negli anni Ottanta è stato vicedirettore della settimana. Quando Mondadori tentò l'avventura televisiva, curò "Gli speciali di Retequattro", un programma di approfondimento giornalistico in onda su Rete 4 dal 1982 al 1984. E' stato poi direttore della settimana "Epoca". Nel 2015 la giuria del Premio Arrigo Benedetti ha voluto un premio speciale per "l'esempio e la lezione di giornalismo" a Carlo Gregoretti, il giornalista più giovane che lavorò con Benedetti all'"Espresso". 

 

 

Leggi anche: 

Elezioni 2023 rinviate causa guerra. Nuove conferme, dietro le quinte dicono..

Centrodestra, Sgarbi: "Salvini accetterà Meloni premier? Inevitabile"

Elezioni Usa, Biden già ko tra inflazione e crisi: così Trump si ricandida

La Russia annuncia: simulato lancio di missili nucleari tra Polonia e Lituania

Cairo ad Affaritaliani: "Non ho alcuna intenzione di vendere La7"

Sarah Viola: "Per i reati nati dal disagio mentale servono gli psichiatri"

Rissa Mughini-Sgarbi da Costanzo. VIDEO

Gruppo Hera: distribuiti ai territori oltre €2,2 miliardi nel 2021

AXA Italia - Rai, al via nuovo format di branded entertainment

Poste Italiane celebra 160 anni: da sempre al fianco del Paese

Commenti
    Tags:
    l'espresso





    in evidenza
    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    L'attacco a Fernando Alonso

    La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


    motori
    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.