A- A+
MediaTech
LinkedIn, lo spam costa caro: risarcimento milionario agli utenti

Chi ha un profilo LinkedIn lo sa bene: il social network per professionisti spesso esagera con reiterate notifiche. Tizio "vuole aggiungerti alla sua rete". Caio "è ancora in attesa di una risposta". Un'abitudine che potrebbe costare cara. Alcuni utenti, infatti, hanno lanciato nel 2013 una class action e potrebbero presto ottenere un risarcimento da 13 milioni di dollari (11,5 milioni di euro).

LinkedIn ha sempre negato le accuse, ma a questo punto preferisce saldare il conto. Gli utenti hanno ricevuto un e-mail già venerdì scorso. E ora hanno tempo fino al 14 dicembre per alzare la mano e confermare di voler ricevere la propria parte. Quanto? Circa 1500 dollari a testa.

 

Tags:
linkedinspamclass actionsocial network
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce

smart e ALD Automotive collaborano per creare una piattaforma e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.