A- A+
MediaTech
Lite Virzì-Ramazzotti si querelano, informativa in procura con video
Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì (foto Lapresse)

Lite Virzì-Ramazzotti si querelano, informativa in procura con video

Il regista Paolo Virzì e l'ex moglie Micaela Ramazzotti hanno entrambi presentato querela alla stazione dei carabinieri Aventino dopo la lite scoppiata all'interno di un ristorante di Roma lunedì scorso. Secondo quanto emerso nel ristorante erano presenti il regista con la figlia e l'attrice con il nuovo compagno. I carabinieri che hanno raccolto le denunce hanno inviato un'informativa in procura a cui hanno allegato anche il video delle telecamere presenti nel ristorante. Sarà adesso il magistrato a formulare le possibili ipotesi di reato.

Micaela Ramazzotti replica a Paolo Virzì dopo la lite: 'Attento più all'immagine pubblica'

"Non intendo entrare nel merito di vicende che, sono certa, verranno chiarite dalle Autorità giudiziarie a ciò preposte. Non resto sorpresa dall'affannoso tentativo di Paolo di voler preservare solo la propria immagine pubblica. D'altra parte, ha sempre tenuto più a quella che alla serenità della propria famiglia e dei propri affetti o presunti tali". Micaela Ramazzotti, in una dichiarazione all'ANSA, commenta la lite finita con l'intervento delle forze dell'ordine che l'ha vista protagonista in un ristorante romano con l'ex marito, il regista Paolo Virzì.

Leggi anche- Lite Paolo Virzì-Michela Ramazzotti. Il regista: "Confido che troveremo il modo di risolvere questo incidente"

Micaela Ramazzotti e Paolo Virzi. La loro lunga storia d'amore

Nel 2007 Paolo Virzì sta cercando le protagoniste per il film “Tutta la vita davanti” (tratto dal romanzo di Michela Murgia). Micaela Ramazzotti reduce dal grande successo di” Non prendere impegni stasera” viene notata da Carlo Virzì, che la propone al fratello regista per il ruolo di Sonia: l'attrice viene poi scritturata dopo un provino. Nasce sul set la loro storia d'amore. Il 17 gennaio 2009 (giorno del compleanno di Micaela Ramazzotti) a Livorno, città natale di Virzì il loro matrimonio.

Il 1° marzo 2010 nasce il figlio Jacopo e il 15 aprile 2013 la figlia Anna (il cui parto è stato ripreso nel film Il nome del figlio dell'amica Francesca Archibugi).

Insieme la coppia ha girato tre film, dopo quello del 2007 arriva La prima cosa bella in cui Ramazzotti veste i panni della versione giovanile di Anna, personaggio ispirato a sua suocera, la mamma di Virzì che da grande era interpretata da Stefania Sandrelli. Poi nel 2016 arriva La pazza gioia, film sulla fragilità mentale di una giovane madre.

A novembre 2018, i settimanali di gossip parlano di crisi fra Paolo Virzì e Micaela Ramazzotti, ma a inizio 2019 la coppia torna a mostrarsi: i due felici e sorridente in un raro scatto affidato ai social network. "Giornali e siti hanno ingigantito quella che è una crisi che capita a tutti. Sono molto gelosa della mia vita privata, però posso dirle una cosa: il dialogo ha cambiato tutto e reso tutto possibile", disse Micaela Ramazzotti poche settimane a Vanity Fair.  A febbraio del 2023 arrivano le voci di una nuova rottura. 

Ramazzotti-Virzì: la versione di lei, 'quella battuta di Ottavia, poi da Paolo insulti e minacce'

L'attrice racconta la dinamica della lite con l'ex marito nella denuncia ai carabinieri, 'Paolo non voleva che mio figlio si avvicinasse a me, ho preso il telefono di Ottavia e lei mi ha graffiato braccio'

Una battuta che sapeva di provocazione. Poi gli insulti e le minacce. Così Micaela Ramazzotti ha raccontato la dinamica della lite con l'ex marito Paolo Virzì ai carabinieri della Stazione Aventino nella denuncia presentata ieri e che l'Adnkronos ha potuto visionare. Ramazzotti spiega: ero con mia figlia e il mio compagno, seduta in uno dei tavolini fuori del ristorante 'Insalata ricca' di piazza Albania, quando ho incrociato il mio ex marito, sua figlia Ottavia (35enne nata dalla relazione del regista con l'attrice Tiziana Cruciani, ndr) e nostro figlio piccolo. "Si sono avvicinati a noi e la figlia ha rivolto qualche battuta nei miei confronti. Ho chiesto a mio figlio di avvicinarsi a me - le parole dell'attrice - ma Ottavia e il padre glielo impedivano. A quel punto la figlia ha iniziato a riprendere la scena e ad aggredirmi verbalmente. Il mio fidanzato si è interposto perché la situazione si stava scaldando, dato che il mio ex iniziava a minacciarmi e a insultarmi con parole come 'm..da'... fai schifo'".

Quindi, riferisce ancora l'attrice, ho preso il telefono della figlia e l'ho lanciato per terra. Il mio ex marito cercava di aggredirmi e il mio fidanzato tentava di parare i colpi col suo braccio. Nessun lancio di sedie, ma la stessa Micaela Ramazzotti ha sottolineato come la figlia dell'ex marito, nel tentativo di riprendersi il telefono mi ha graffiato il braccio. Per lei, che si è fatta refertare come tutti i protagonisti della vicenda, cinque giorni di prognosi per lievi escoriazioni.






in evidenza
William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa

Forti tensioni a Palazzo

William e Kate, aria di divorzio. Crisi per la malattia della duchessa


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

My CUPRA App: la ricarica elettrica diventa più semplice

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.