A- A+
MediaTech
R101: Costanzo, Saviano e quella "sentenza di morte" da Riina. Le rivelazioni
Maurizio Costanzo

Roberto Saviano alle 20.00 ospite di “Facciamo finta che”, il programma di Maurizio Costanzo e Carlotta Quadri in onda su R101, per parlare del suo nuovo romanzo “Solo è il coraggio” edito da Bompiani

Ai complimenti di Maurizio Costanzo: “Questo romanzo è bellissimo, compratelo, e Saviano è l’ultimo testimone vero di certi accadimenti”, Roberto Saviano ha risposto: “Grazie davvero. Per me queste parole hanno un grandissimo significato perché nel mio libro c'è un momento in cui lei, Maurizio, è protagonista in un passaggio in realtà meno raccontato di quando poi accadrà l'attentato: prima dell'uccisione di Falcone loro mandano un gruppo al Parioli, la pedinano, poi si accorgono che lei andava a casa di Scotti per preparare un programma”.

Prosegue Costanzo: “Esattamente così, loro vanno a via Veneto e vedono solo Arbore. Poi io per destino avevo un appuntamento a casa col Ministro dell'Interno Scotti il quale, essendo ministro dell’Interno, aveva una camionetta della Polizia sotto casa. Loro seguendomi hanno pensato che io andassi a casa e hanno detto ‘l'attentato a casa non si può fare perché c'è la polizia’. Ma meno male, perché con una sventagliata di mitra sotto casa ero fatto”.

Saviano: “E’ una delle storie più incredibili perché loro avevano messo in conto questo.

Il paradosso è che quando viene creata la Superprocura, Cosa Nostra crea la SuperCosa - Riina la chiama proprio così, la SuperCosa- e mandano questi uomini a Roma che usando le armi potevano colpire senza autorizzazione del vertice, se invece avessero dovuto mettere bombe avrebbero dovuto chiedere. Loro decidono che non possono farla con le armi e tornano indietro”.

Costanzo: “Menomale che la possiamo raccontare”.

Saviano: “C’è stato quell’episodio e poi c’è stato l’episodio molto più raccontato della bomba, anche quello incredibile, ma che era partito – per me era importante nel romanzo raccontare questo - molto tempo prima. E questo avviene perché lei con le sue trasmissioni aveva acceso la luce sull’organizzazione criminale, ma Riina temeva che la sfida fatta a lui potesse essere utilizzata dalle altre famiglie di Cosa nostra per togliergli lo scettro. Quindi lui sentiva che doveva agire perché doveva far capire a chi lo voleva detronizzare che non poteva essere beffeggiato”.

Costanzo: “Io andai proprio sulle scatole a Rina. C'è una frase che non so se posso dire in radio: lui disse ‘questo Costanzo mi ha rotto i coglioni’, una sentenza di morte.

Saviano: “Fu proprio così. E anche il gesto della maglietta”.

Costanzo: “Quando io sul palcoscenico del Parioli bruciai davanti a Falcone la maglietta sulla quale c'era scritto ‘Mafia made in Italy’. Quello fu un gesto visivo forte”.

Nel corso della lunga intervista Saviano e Costanzo – entrambi sotto scorta - si confrontano sulla mafia e sulla figura di Giovanni Falcone.

Appuntamento alle 20.00 su R101 nel programma “Facciamo finta che”.

Leggi anche: 

Affaritaliani.it alla Conferenza programmatica di Fratelli d'Italia a Milano

FdI, j'accuse di Meloni alla stampa. I gesti sono eloquenti. Il video

Vittorio Feltri alla Conferenza FdI. Video. "Nel mio futuro c'è una tomba..."

Filippo Facci alla Conferenza FdI. Video. "Meloni mi ha chiamato alle 23.25"

Sondaggio, Zaia il governatore più amato. Sindaci, Sala batte Gualtieri

Putin e la guerra nucleare? Un grande immenso bluff. Come nel poker...

Intesa Sanpaolo: diffuso il nuovo piano di azionariato del gruppo

Primo maggio, Mattarella: "Costo ripresa non siano morti sul lavoro". VIDEO

Il gruppo Iren acquisisce il 100% del capitale sociale di SAP

Costa Venezia parte da Istanbul alla scoperta di Turchia e Grecia

Commenti
    Tags:
    maurizio costanzor101roberto saviano





    in evidenza
    "L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni

    Nuova uscita PaperFirst

    "L'importanza di chiamarsi Giorgia": in libreria i fumetti dedicati all'ascesa di Meloni

    
    in vetrina
    Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio

    Nuovo concept per i cocktail di lusso: nel cuore di Milano Giardino Cordusio


    motori
    Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

    Maserati TRIDENTE: lusso e innovazione full-electric sull’acqua

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.