A- A+
MediaTech
WhatsApp alza l'età minima per l'uso nell'Ue a 16 anni

Dal 25 maggio WhatsApp, la famosa app di messaggistica istantanea che possiede un miliardo e mezzo di utenti in tutto il mondo, potrà essere usata solo da chi ha un'eta minima di 16 anni. Lo ha annunciato la compagnia sul suo sito web, spiegando di adattarsi, in questo modo, al Rdpd, il Regolamento sulla protezione dei dati personali sancito dall'Unione Europea che entrerà in vigore proprio in quella data.

"Il mese prossimo, l'Ue aggiornerà le sue leggi riguardanti il rispetto della vita privata per chiedere più trasparenza riguardo al modo in cui i dati degli utilizzatori di internet sono usati online - si legge nell'avviso - l'app aggiorna le sue condizioni di utilizzo e la sua politica di confidenzialità laddove il Rgdp prende effetto".

WhatsApp, fondata nel 2009, a febbraio 2014 è stata acquistata da Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook. L'app manterrà la soglia di età minima di 13 anni negli altri Paesi in cui è utilizzata. Nell'annuncio l'applicazione ha sottolineato che si impegnerà a "rispettare le nuove rigide norme di trasparenza sul modo in cui protegge la riservatezza degli utenti". Non è ancora chiaro, però, come intenda far valere questo limite.

Tags:
whatsapp limite età
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate

Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.