A- A+
MediaTech
Wireless, in Europa dal 2023 la connessione a 7G
(fonte  pixerpay)

Wireless, una rete che connette tutta la casa 

Le case odierne sono sempre più digitalizzate attraversate da una rete wireless che collega computer, cellulari, televisori, giochi ,sistemi di sorveglianza, assistenti vocali, elettrodomestici, illuminazione, aria condizionata, etc. Questa rete, ogni giorno più complessa, richiede sempre maggiore potenza. Non siamo quasi riusciti ad accorgerci che utilizzavamo 5G che adesso le aziende stanno cominciando ad offrire processori per il 7G che dovrebbe partire in Europa già dal 2023. Si chiama IEEE 802.11be, dal Wifi Alliance, l’ente che standardizza i sistemi. Tuttavia, in Europa, la maggior parte delle connessioni wireless idelle case è ancora di quinta generazione o inferiore. Con il 7G e con router e dispositivi aggiornati si avrà una velocità quattro volte superiore rispetto agli attuali sistemi, meno ritardi di segnale, più capacità, stabilità ed efficienza.

7G, con una velocità quattro volte superiore al 6E

Wi-Fi 7 ha una velocità massima di 40 Gigabyte al secondo (Gbps), che è quattro volte la velocità massima del 6E. La generazione che arriverà il prossimo anno supporta fino a 320 MHz di larghezza, raddoppiando così la capacità di trasmissione dei dati. Un altro dei vantaggi della nuova generazione sono i collegamenti multipli, il che significa maggiori prestazioni e minori ritardi rispetto ai 5G e 6G. I nuovi router potranno connettersi a bande diverse contemporaneamente scegliendo la rete meno congestionata. Douglas Vaz Benítez, direttore generale di Qualcomm per Spagna e Portogallo, una delle aziende che offre già i processori che consentono l'implementazione del Wi-Fi 7 conferma “Quello che fa Wi-Fi 7 è identificare esattamente quale parte del canale è interessata da interferenze e bloccare solo quella parte. Non si perde l'intero canale e questo genera più capacità. Utilizzando due frequenze contemporaneamente, fornisce più informazioni, a una velocità maggiore, con una maggiore modulazione e una migliore gestione dei canali".

7G, anche in Europa dal prossimo anno 

Le più comuni previsioni dicono che i router Wifi 7 inizieranno ad essere commercializzati il ​​prossimo anno, quando arriveranno anche i cellulari preparati. La tecnologia Wifi 7 apre le porte ad applicazioni future che oggi non possiamo nemmeno immaginare. Il 7G sarà la spina dorsale delle reti domestiche, industriali e di ufficio. Fornirà una connettività senza interruzioni per qualsiasi cosa, dalle applicazioni di realtà virtuale e aumentata multiplayer al cloud gaming e allo streaming 8K. I prezzi dei nuovi router per Wifi 7 saranno fra i 400 e gli oltre 800 euro. Il router è il cervello della casa, a cui sono collegati tutti i dispositivi. Inoltre, è il guardiano che protegge la sicurezza dei dati e combatte gli hacker. Il futuro del wifi  è già tra noi.

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    5g7geuropawifiwireless





    in evidenza
    Affari in Rete

    Politica

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1


    motori
    Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

    Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.