A- A+
Medicina
Alzheimer news: l’insonnia aumenta i livelli di proteina che causa Alzheimer

Alzheimer ultima scoperta: insonnia e alti livelli di proteina tau nel cervello | ALZHEIMER NEWS

L'insonnia e Alzheimer sarebbero collegate; l’insonnia, infatti, accelera la diffusione attraverso il cervello di gruppi tossici di tau la molecola responsabile del danno cerebrale nei malati di Alzheimer. Lo ha rivelato una ricerca sottolineando come la relazione tra mancanza di sonno e morbo di Alzheimer sia stata a lungo collegata senza che nessuno sia mai riuscito a sapere in che modo le interruzioni del sonno influiscano su questa malattia.

Alzheimer e insonnia: la qualità del sonno aiuta il cervello e blocca la diffusione della malattia | ALZHEIMER NEWS

I risultati dello studio, apparsi nella rivista Science, indicano che la mancanza di sonno da sola aiuta la progressione della malattia e suggerisce che avere buone abitudini durante il sonno può essere d’aiuto alla salute del cervello.

La vera novità di questo studio consiste nell’aver individuato che i fattori della vita reale come il sonno potrebbero influenzare la velocità con cui la malattia si diffonde attraverso il cervello.

"Sappiamo che i problemi del sonno e l'Alzheimer sono associati in parte attraverso una diversa proteina amiloide-proteina di Alzheimer, ma questo studio dimostra che l'interruzione del sonno fa sì che la proteina tau dannosa aumenti rapidamente e si diffonda nel tempo" – ha affermato David Holtzman, autore dello studio e capo del dipartimento presso la Washington University School of Medicina a St. Louis.

ALZHEIMER SCOPERTA 2019: il ruolo della proteina tau nel declino cognitivo | ALZHEIMER NEWS

Il tau si trova anche nel cervello delle persone sane, ma in certe condizioni può aggregarsi in grovigli che feriscono i tessuti circostanti e presagiscono il declino cognitivo.

Recenti ricerche hanno dimostrato che il tau è alto nelle persone anziane che dormono male. Ma non era chiaro se la mancanza di sonno influenzasse direttamente i livelli tau. Per scoprirlo, il professor Holtzman e colleghi hanno misurato i livelli di tau nei topi e nelle persone che avevano un sonno normale e un sonno con frequenti interruzioni.

ALZHEIMER RICERCA: SCOPERTA PROTEINA RESPONSABILE DELLA PROGRESSIONE DELL’ALZHEIMER 

L’esperimento è stato condotto prima sui topi. I ricercatori hanno scoperto che i livelli di tau nel fluido che circonda le cellule cerebrali erano circa il doppio di notte quando gli animali erano più svegli e attivi, rispetto al giorno in cui i topi si appesantivano di più. Disturbare il riposo dei topi durante il giorno ha causato il raddoppiamento dei livelli tau diurni.

Lo stesso effetto è stato riscontrato nelle persone. Brendan Lucey, un assistente professore di neurologia, ha prelevato del liquido cerebrospinale - che bagna il cervello e il midollo spinale - da otto persone dopo una notte normale di sonno e di nuovo dopo averli tenuti svegli tutta la notte.

Una notte insonne ha causato un aumento dei livelli di tau di circa il 50%.

Stare sveglio tutta la notte rende le persone stressate e irritabili e non solo le persone. Anche se è difficile giudicare l'umore dei topi, anche loro hanno cominciato a rimbalzare nervosamente dopo aver affrontato una giornata insonne.

ALZHEIMER E SONNO: DORMIRE AIUTA LA MEMORIA ED IL CERVELLO NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

Usando i topi come oggetto di ricerca, si è scoperto che stare svegli per periodi prolungati fa aumentare i livelli di tau. Questo perché la privazione del sonno interrompe il normale ciclo, permettendo alla proteina tau di accumularsi e rendendo più probabile che la proteina inizi ad accumularsi in grovigli nocivi.

Nelle persone con il morbo di Alzheimer, i grovigli tau tendono ad emergere in alcune parti del cervello importanti per la memoria - l'ippocampo e la corteccia- e quindi diffondersi ad altre regioni del cervello.

"Dormire bene è qualcosa che tutti dovremmo provare a fare", dice Holtzman. "Il nostro cervello ha bisogno di tempo per riprendersi dallo stress della giornata. Non sappiamo ancora se un sonno di qualità può da solo proteggere contro il morbo di Alzheimer. Ma non può far male, e questo e altri dati suggeriscono che potrebbe anche aiutare a ritardare e rallentare il processo della malattia quando è iniziato. "

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    alzheimer newsalzheimer malattiaalzheimer ultima scopertaalzheimer insonniaalzheimer scopertaalzheimer ricercaprogressione alzheimerdiffusione alzheimeralzheimer e sonno
    in evidenza
    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    Corporate - Il giornale delle imprese

    Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

    i più visti
    in vetrina
    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

    Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

    Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.