A- A+
Medicina
Coronavirus, ecco come viola l'organismo: speranza nel farmaco anti diabete

Coronavirus: uno studio americano afferma che il covid-19 aggredisce le cellule sfruttando il recettore Dpp4 che è sensibile ai farmaci anti diabete. Primo tassello per una cura delle forme lievi? - Salute e benessere

Mentre in Italia la curva dei contagi da Coronavirus sembra destinata a scendere (qui gli ultimi numeri su contagi e morti), la ricerca di una cura continua in tutto il mondo. Dagli USA arriva la scoperta di una nuova via d'ingresso da cui il covid-19 infetta le cellule. Si tratta di un recettore sensibile ad alcuni farmaci anti-diabete. Questo significa che si potrebbe sviluppare una cura per le forme più lievi della malattia.

Coronavirus, come aggrediscono la cellula: porta secondaria il recettore Dpp4 - Salute e benessere

Fino ad oggi si sapeva che il Coronavirus utilizzava principalmente il recettore Ace2, che si trova soprattutto nelle cellule del sistema respiratorio, per invadere l'organismo dell'uomo. Lo studio pubblicato su Diabets Research and Clinical Practice afferma che il SarsCoV2 si lega anche al recettore Dpp4 per scardinare le difese delle cellule. Su quest'ultimo agiscono diversi farmaci anti-diabete. "Esiste anche un meccanismo diverso, che potrebbe aprire una via terapeutica per chi ha la malattia Covid-19 in forma moderata", sono le parole di Gianluca Iacobellis, dell'Università di Miami, riportate da Tgcom24.

Coronavirus: farmaco anti diabete possibile cura per le forme lievi - Salute e benessere

Il recettore Dpp4 si trova sulle superficie di tutte le tipologie di cellule, da quelle dei bronchi a quelle del cuore, e già in passato era stato associato ad altre forme di Coronavirus come nel caso dell'epidemia di Sars nel 2002-2003. Ora i ricercatori dovranno testare l'efficiacia dei farmaci anti-diabete nel contenere l'infezione da Covid 19. Lo studio comunque è solo all'inizio ed è ancora presto per parlare di una cura in senso stretto.

Nel frattempo continua anche la ricerca di un vaccino. La maggior parte degli esperti concorda che non sarà pronto prima di un anno circa ma il successo della sperimentazione animale per il vaccino cerotto lascia ben sperare. C'è comunque un'elevata probabilità che dovremo affrontare una seconda ondata dell'epidemia dopo l'estate.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirus recettore diabetecoronavirus formaco anti diabeterecettore dpp4coronaviruscoronavirus curacoronavirus come si trasmettecoronavirus come avviene il contagiocoronavirus come aggrediscono la cellulacoronavirus come agiscesalute e benessere
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory

    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.