A- A+
Medicina
Covid-19, l’abuso di vitamina D puo’ essere pericoloso

La pandemia è stato un flagello per quasi tutti i comparti, per molti, ma non per tutti. E’ il caso del mondo degli integratori. Tutti il comparto ha visto crescere i consumi ma uno, in particolare, ha fatto registrare un vero e proprio boom. Questo gruppo “fortunato” è quello che contiene la vitamina D.

In piena crisi sanitaria gli integratori con questa vitamina  sono stati percepiti come stimolatori del sistema immunitario e su questa convinzione sono diventati un mercato mondiale da 1,1 miliardi di dollari con previsioni di crescita al 7%. Secondo Business Wire l’obiettivo di crescita per il 2025 è di 1,6 miliardi di dollari.

Nonostante questo tutto il mondo medico concorda sui rischi di un consumo indiscriminato, dell'assenza di test che richiedono uno screening massiccio dei livelli di vitamina D, della mancanza di un indicatore universale di concentrazioni adeguate e del rischio di automedicazione.

Insomma l’abuso e  l’uso discriminato di vitamina D sarebbero per i medici un grave pericolo per la salute.

Un rischio tale per cui la Task Force medica dei servizi preventivi degli Stati Uniti ha dichiarato che "Non ci sono prove generali sui benefici della vitamina D, pertanto non è possibile determinare l'equilibrio tra benefici e rischi dello screening per carenze di vitamina D negli adulti asintomatici.

Inoltre il fabbisogno di vitamina D può variare da persona a persona, quindi non esiste un singolo livello di concentrazione di 25-idrossivitamina D (l’indicatore del sangue più comune) che definisce la carenza, e non c'è consenso sui precisi livelli sierici di vitamina D indicanti lo stato di salute”.

In ogni caso la determinazione di livelli adeguati e la prescrizione di integratori o trattamenti devono essere indicati da specialisti perché il consumo eccessivo di qualsiasi nutriente, anche neutro come l'acqua, può avere conseguenze dannose.

Secondo il National Institutes of Health of the USA “Il consumo eccessivo di vitamina D può essere dannoso. Concentrazioni troppo elevate nel sangue (superiori a 150 ng / mL) possono causare nausea, vomito, debolezza muscolare, confusione, dolore, perdita di appetito, disidratazione, minzione eccessiva e sete, calcoli renali, insufficienza renale, aritmia e persino la morte".

Questi effetti negativi hanno una causa precisa, secondo il NIH “Livelli elevati di vitamina D sono quasi sempre dovuti al suo consumo in quantità eccessive attraverso gli integratori alimentari” .

L'assimilazione della cosiddetta vitamina D, poiché è un ormone, è prodotta dalla sintesi cutanea grazie alla radiazione solare (80%) e alla dieta (20%). Queste fonti potrebbero non essere sufficienti in alcuni casi per popolazioni che vivono in zone poco soleggiate o che presentano fattori di rischio. Ma solo uno specialista può determinarlo e non può essere corretto con l'autoconsumo di integratori.

Nonostante tutti gli avvertimenti, il consumo di integratori continua a crescere e il motivo è il Covid-19.

Ma il processo benefico dell’assunzione di vitamina D non è così semplice. La generazione di vitamina D richiede una precedente biotrasformazione e questa è ottenuta da un proormone che funge da precursore per raggiungere i livelli necessari che contribuiscono a una migliore risposta a covid. È il calcifediolo, prodotto nel fegato da una reazione chimica (idrossilazione della vitamina D3) grazie ad un enzima, una molecola organica che funge da catalizzatore.

Nello studio pilota, randomizzato e aperto su 76 pazienti, 50 hanno ricevuto calcifediolo e solo uno ha richiesto l'ammissione all'Unità di Terapia Intensiva. La metà degli altri 26 ha ricevuto placebo ed è passata in terapia intensiva. La migliore risposta del calcifediolo a Covid si verifica in concentrazioni ematiche di circa 50 nanogrammi per millilitro (ng / mL).

Il fascino della vitamina D è iniziata all'inizio degli anni '20 con la scoperta che che preveniva il rachitismo. E poi da altri potenziali benefici, tra cui la funzione immunitaria, la salute cardiovascolare e il cancro, come ricorda The Lancet Diabetes and Endocrinology.

Tuttavia, la stessa pubblicazione avverte che, mentre i dati sul ruolo della vitamina D nella crescita e nel mantenimento delle ossa sono chiari, le prove a sostegno del suo ruolo in altri processi sanitari e malattie, in particolare nelle infezioni acute delle vie aeree, rimangono non così certi.

In ogni caso rimane su tutti una certezza: l’uso indiscriminato di Vitamina D puo’ essere pericoloso.

Commenti
    Tags:
    covid-19pandemiavitamina d
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme dopo 17 anni!

    Ritorno di fiamma

    Jennifer Lopez e Ben Affleck di nuovo insieme dopo 17 anni!

    i più visti
    in vetrina
    Ibrahimovic (out per il ginocchio) presenta la nuova maglia del Milan (foto)

    Ibrahimovic (out per il ginocchio) presenta la nuova maglia del Milan (foto)


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    "Soleterra" il primo suv completamente elettrico di Subaru

    "Soleterra" il primo suv completamente elettrico di Subaru


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.