A- A+
Medicina
Depressione: l’Italia un paese per vecchi con 6 milioni di depressi

La depressione è aumentata del 20% negli ultimi dieci anni.

 

Un dato questo, diffuso dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, che sicuramente scatena un certo effetto.

Nel mondo infatti soffrono di depressione circa 322 milioni di persone, qualcosa come il 4.3% della popolazione mondiale. E l'Italia non ne è di certo immune con quasi 6 milioni di malati di depressione.
Un dato importante ma che in fondo non rappresenta una sorpresa in un paese, come il nostro, dove l'età media è alta (circa 44 anni) e dove nascono pochi bambini (meno di mezzo milione di nati l'anno scorso). Insomma, un paese di vecchi, comandato da vecchi. Una piccola prova? Basta vedere chi tiene da noi le 'redini' nelle banche, in magistratura, in politica, nello sport, sembra 'gerontolandia'.

 

Depressione chi colpisce

 

'Il mal di vivere ', non è certo la malattia dei grandi artisti come Van Gogh, Salvador Dalì o Edvard Munch, ma un male che colpisce indistintamente uomini e donne, giovani e senior.
Un 'male oscuro' che trova terreno più fertile soprattutto nelle persone adulte, quelle fra i 55 e 74 anni.
La depressione incide di più tra le donne che negli uomini, 5.1% contro 3.6%.
E la depressione non si dimentica nemmeno dei giovani, dato che la seconda causa di morte tra i 15 e i 29 anni è proprio il suicidio, molte spesso ultimo drammatico passo di un processo depressivo.

 

Giornata mondiale della depressione: il 7 aprile sarà la Giornata Mondiale della Salute dedicata alla depressione

 

Il prossimo 7 aprile, la Giornata Mondiale della Salute sarà dedicata alla depressione che comprende due grandi branchie: la depressione, che si manifesta spesso con episodi più o meno frequenti o con una cronicità il più delle volte leggera e l'ansietà, con attacchi di panico, fobie, disordini ossessivi.

 

Depressione cause: crisi economica e depressione psicologica

 

Sicuramente la crisi economica degli ultimi anni favorito l’aumentare della depressione. La depressione può toccare tutti e a tutte le età, ma che cresce in maniera esponenziale con la povertà e la disoccupazione, con la perdita di una persona amata o con l'abuso di alcool e droghe. Basta osservare i dati italiani sulla disoccupazione  giovanile e sulla crescita dei poveri  per farsi una ragione di un simile trend nel numero di depressi e ansiosi.

 

Depressione nel mondo

 

Certo non solo da noi . Nel mondo i malati di depressione vivono per più del 50% nell'Asia Sud Orientale e in Occidente ma sono diffusi  dappertutto, dalle Americhe, alla Regione del Pacifico occidentale, in Africa come pure nelle Regioni del Mediterraneo.

 

Come prevenire la depressione

 

Insomma la depressione è una malattia subdola, non sempre facile da riscontrare subito e complicata nella cura.

Come  difendersi dalla depressione? Difficile ma non impossibile. Forse uno stile di vita più equilibrato, con modelli di riferimento più alla portata delle nostre aspettative e un atteggiamento più serenamente fatalista potrebbero far diminuire i fallimenti nella vita quotidiana e di conseguenza anche un po' di rischio di cadere nel vortice della depressione.

Tags:
depressionedepressione causedepressione nel mondodepressione chi colpiscecome prevenire la depressionegiornata mondiale della depressione
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.