A- A+
Medicina
Glaucoma, per il Covid il 44% dei pazienti non si presenta ai controlli medici

Per paura di contrarre il Covid nel 2020 il 44% dei pazienti non si è presentato ai controlli programmati, mettendo a repentaglio la propria vista e correndo il rischio di cecità. Ecco quanto emerge da una nuova ricerca europea che ha coinvolto circa 2000 pazienti affetti da questa patologia oculare. Un problema che interessa circa 14 milioni di cittadini europei, e che rappresenta una delle cause più frequenti di cecità al mondo. In Italia si stima che le persone affette da glaucoma siano circa un milione, di cui solo la metà a conoscenza della diagnosi. La ricerca è parte di una campagna multicanale di sensibilizzazione per incoraggiare i pazienti a non trascurare il proprio glaucoma, nonostante la pandemia.

In quest’ultimo anno tutti i pazienti, tra cui anche quelli affetti da glaucoma, sono stati costretti a fare i conti con le difficoltà ad effettuare le visite in presenzae anche con la paura di contrarre il virus. Secondo la ricerca le visite mediche in presenza sono andate avanti con la stessa regolarità del periodo pre-Covid solo nel 36% dei casi, mentre il 28% dei pazienti intervistati le ha mancate nonostante fossero state offerte delle modalità alternative. Notevole la paura di contrarre il virus: il 21% degli intervistati ha evitato di incontrare il proprio medico per questo motivo. Più nello specifico, per quanto riguarda la cura del glaucoma, ben il 44% degli intervistati non è riuscito a presentarsi ai controlli medici programmati. Inoltre, il 37% degli intervistati ha dichiarato di sentirsi preoccupato e ansioso per il fatto di non essere in grado di gestire in modo efficace il proprio disturbo. Anche gli impegni legati alla casa o alla famiglia per via della pandemia hanno inciso sensibilmente sui comportamenti dei pazienti: il 22% degli intervistati è stato troppo occupatoper procurarsi i farmaci prescritti per il glaucoma. Rimane la consapevolezza del problema: nonostante gli inconvenienti dovuti alla pandemia, per il 73%degli intervistati la gestione del glaucoma resta importante come nel periodo pre-Covid e per l’11% è addirittura più importante.

Lo scoppio della pandemia ha fatto emergere problematiche già note tra gli addetti ai lavori, quali la fragilità del sistema di fidelizzazione alle cure e la disomogeneità del “disease awareness” non solo nella popolazione generale, ma addirittura negli stessi pazienti", ha dichiarato il professor Stefano Gandolfi, presidente della Società italiana del Glaucoma (Sigla). "In pratica, il paziente, una volta ricevuta la diagnosi, prescritta la cura e pianificato l’appuntamento per il controllo, è lasciato a se stesso. In parole povere, è il malato che deve accedere al sistema, curandosi da solo. Ovviamente, un setting organizzativo di questo tipo è estremamente fragile. In questo, la pandemia va colta come un’opportunità per ripensare l’intero percorso gestionale, ridisegnandolo in modo da renderlo più robusto attraverso l’applicazione di quanto l’innovazione tecnologica già ci offre: telemedicina, semeiologia in remoto col supporto dell’home computing e degli smartphones, multi-condivisione protetta di dati clinici sensibili, deep learning con sviluppo di algoritmi di follow up personalizzati con attivazione di recall/monitoraggio cura a misura del singolo paziente. Tutto questo, analogamente a quanto è accaduto con lo smart working e, in parte, con la didattica a distanza, deve perdere la patina del “…sarebbe bello, ma non siamo ancora pronti...” e, seguendo quello che in economia viene definito come “distruzione creatrice”, può (o meglio, deve) costituire un modello operativo già per il presente. Sta, poi, a noi medici (e, aggiungo, “Italiani”) riuscire da un lato a “umanizzare” un percorso apparentemente straniante, destinato in teoria ad una utenza di stampo anglosassone (le “virtual clinics” già in azione nel Regno Unito ne sono un esempio), e ad accettare a nostra volta che la tecnologia faccia, in termini di fidelizzazione da remoto, quello che di persona non siamo in grado di garantire ai nostri pazienti (ad esempio una copertura costante e continua della gestione della loro malattia)".

Scarsa la consapevolezza in merito alle conseguenze della cattiva gestione di questa patologia: solo il 32% dei pazienti è consciodi rischiare addirittura la cecità in caso di utilizzo non corretto del farmaco. Emerge poi uno spaccato dei comportamenti ritenuti più adatti da parte dei pazienti a prevenire la perdita della vista a causa del glaucoma: per il 63% dei pazienti è necessario usare i farmaci come indicato, attenendosi scrupolosamente alle istruzioni terapeutiche fornite dal medico, mentre per il 52% degli intervistati servono controlli medici regolari. Infine, l’88% delle persone affette da glaucoma è d’accordo o molto d’accordo sul fatto che,curando la salute degli occhi e gestendo in modo adeguato la propria patologia, sarà possibile evitare o almeno rallentare la perdita della vista e la potenziale cecità.

I dati offerti da questa indagine danno una misura quantitativa di quanto gli oculisti hanno potuto constatare da un anno a questa parte", spiega il professore Stefano Miglior, presidente dell’Associazione italiana per lo studio del glaucoma (Aisg). "I danni indiretti della pandemia sono stati e sono tuttora enormi in termini di impossibilità prima e di difficoltà adesso da parte dei pazienti a poter afferire presso gli ambulatori specialistici, sia in strutture pubbliche, sia in strutture private accreditate, sia presso strutture interamente private. A questo va aggiunta la paura, ancora presente e diffusa, di recarsi presso strutture cliniche, sia per visite che per eventuali interventi chirurgici, perche’ ritenute foriere di un piu’ elevato rischio di contagio. L’Associazione italiana per lo studio del glaucoma di cui sono presidente, ha per questo motivo da qualche mese organizzato, in coincidenza con la Settimana Mondiale del Glaucoma (dall’8 al 13 marzo), una campagna d'informazione attraverso spot televisivi in onda sui Canali Rai, Mediaset e Sky, per sensibilizzare i cittadini verso la necessita’ di conoscere e affrontare il “Problema Glaucoma”.

Inoltre l’Aisg ha organizzato una serie di webinar, tra i quali uno dedicato proprio alla “Difficolta’ della Gestione del Glaucoma durante la Pandemia Covid” in cui vengono offerte possibili soluzioni per gestire la malattia nel miglior modo possibile. Tali webinar possono essere seguiti in diretta sulla pagina Facebook o sul Sito Istituzionale dell’Aisg, o potranno essere visionati anche in tempi successivi alla loro programmazione, dato che rimarranno postati anche successivamente alla detta Settimana”.

La vista è spesso considerata il senso più importante e prevenirne il peggioramento o addirittura la perdita e mantenendo quindi la qualità di vita delle persone è una priorità di Santen. Speriamo che la consapevolezza derivante da questi risultati, sia motivante per i pazienti con glaucoma per continuare a fare tutto ciò che è necessario per mantenere in buona salute i propri occhi durante e dopo la pandemia,” conclude Paolo Casati (nella foto), general Mmnager di Santen Italia.

Chi è Santen                                                                                                                                                              Azienda farmaceutica specializzata nel settore oftalmico, Santen si occupa di ricerca, sviluppo, marketing e venditadi medicinali oftalmici da prescrizione, che costituiscono oltre l’80% del fatturato netto globale. Santen offre anche altri trattamenti oculari come farmaci da banco e dispositivi medici. Santen è stata fondata in Giappone circa un secolo fa, dove è da tempo leader di mercato per la prescrizione di farmaci oftalmologici ed è attualmente leader dimercatoanche nell’area Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) nel trattamento del glaucoma e della sindrome dell’occhio secco. Inoltre ha ampliato la propria gamma di prodotti con trattamenti per le infezione oculare, le allergie e dispositivi medici per la correzione della vista e la terapia chirurgica del glaucoma. Grazie alleconoscenze scientifiche e alle capacità organizzative maturate nel corso di 130 anni di storia, Santen fornisce prodotti e servizi per contribuire al benessere dei pazienti in oltre 60 paesi.

Commenti
    Tags:
    glaucomasantencovidpaura
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, la primavera non decolla: ancora piogge e temporali su mezza Italia

    Meteo, la primavera non decolla: ancora piogge e temporali su mezza Italia


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Q4 E-Tron è il primo suv compatto 100% elettrico di Audi

    Q4 E-Tron è il primo suv compatto 100% elettrico di Audi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.