A- A+
Medicina
L'uso di Eparina nei pazienti Covid. I risultati del Registro Start-Covid 19

Italfarmaco e la Fondazione Arianna Anticoagulazione annunciano i risultati dello studio Start-Covid-19, progetto tutto italiano nato da un’idea della Fondazione, fondata e presieduta da Gualtiero Palareti, professore in Malattie Cardiovascolari all’Università di Bologna. Start-Covid-19 è fra le iniziative supportate da Italfarmaco nell’ambito della Piattaforma GhemaVid, ideata dall'azienda farmaceutica italiana per selezionare, sviluppare e supportare progetti medico-scientifici clinici, pre-clinici ed educazionali, che accrescono e diffondono le conoscenze sul Covid-19 e sul ruolo di Enoxaparina nella gestione e nella prevenzione delle temibili complicanze tromboemboliche di questa malattia.

Start-Covid-19 ha fornito importanti risultati grazie all’analisi delle cartelle cliniche di 1.135 pazienti ricoverati fra il 1° marzo e il 30 giugno 2020 nei reparti di degenza ordinaria dei trenta centri italiani cha hanno partecipato allo studio.

Fra gli obiettivi principali dello studio, quello di documentare l’effetto dei farmaci anticoagulanti-antitrombotici, quali le eparine, sull’evoluzione clinica del Covid-19. A questo scopo, sono state raccolte tutte le informazioni disponibili dalle caratteristiche cliniche dei pazienti, inclusi i dati di laboratorio, gli eventi trombotici arteriosi e venosi intercorrenti, il tipo e il dosaggio dei trattamenti effettuati durante il ricovero, l’evoluzione clinica dei pazienti con Covid-19 e l’andamento dei parametri della coagulazione.

“I pazienti inclusi nello studio avevano un’età mediana di 71 anni”, specifica Daniela Poli della SOD Malattie Aterotrombotiche, Azienda Ospedaliero Universitaria-Careggi, Firenze, centro coordinatore dello studio, e vice-presidente della Federazione dei Centri per la Diagnosi della Trombosi e per la Sorveglianza delle Terapie Anticoagulanti. “Molti pazienti presentavano patologie associate, in particolare: 52,2% ipertensione arteriosa, 10,2% coronaropatia, 17,4% diabete mellito, 23,3% riduzione della funzione renale e 7,6% fibrillazione atriale, ma il 37,2% dei pazienti non presentava, al momento del ricovero, alcuna rilevante patologia oltre il Covid-19. Durante il ricovero 769 pazienti (70,7%) hanno ricevuto un trattamento anticoagulante-antitrombotico. Tale trattamento è stato attuato prevalentemente a dosaggio profilattico (78,9%), mentre i pazienti trattati con dosi terapeutiche o sub- terapeutiche sono stati pari al 19,1%. Il farmaco anticoagulante-antitrombotico più utilizzato è stato Enoxaparina (92,3%). I pazienti che hanno ricevuto il trattamento anticoagulante- antitrombotico erano “più gravi”, cioè presentavano un numero di comorbilità significativamente maggiore rispetto a quelli che non hanno ricevuto tale trattamento. Tuttavia, la mortalità è risultata significativamente minore nei pazienti che hanno ricevuto il trattamento (e che erano anche “più gravi”) rispetto a quelli che non lo hanno ricevuto (16,5% vs 22,7%, p=0,02). Suddividendo la popolazione per gruppi di età (quartili), abbiamo documentato che tra i pazienti di età più avanzata (≥59 anni, corrispondenti ai 3 quartili superiori) tale differenza era ancora più ampia (20,2% vs 31,7%, p=0,001). L’analisi multivariata in base all’età ha confermato che il trattamento con eparina si è associato a una significativa riduzione della mortalità, con un odds ratio di 0,4 (IC 95% 0,3-0,6), corrispondente a una riduzione del rischio di mortalità associata all’uso di eparina pari al 60% rispetto ai soggetti che non ricevevano eparina”.

Questo rappresenta un dato di grande interesse in quanto il trattamento anticoagulante, in particolare con Enoxaparina, si è associato alla riduzione della mortalità in un ampio gruppo di pazienti ricoverati per Covid-19 in degenza ordinaria (erano esclusi i pazienti in terapia intensiva).

Start-Covid-19 è un registro retrospettivo, osservazionale, nazionale e multicentrico che ha raccolto dati sulle caratteristiche cliniche, sui risultati di laboratorio e sui farmaci impiegati nei pazienti ospedalizzati per infezione da virus Sars-CoV-2. Lo studio è stato realizzato in modo indipendente dalla Fondazione Arianna Anticoagulazione.

“Siamo molto lieti dei dati che abbiamo ottenuto dallo Start-Covid-19 su un outcome così importante come la mortalità in una popolazione di pazienti ad alto rischio, considerate anche le comorbilità associate”, afferma il professore Gualtiero Palareti. “Questo rappresenta un ulteriore importante tassello nella gestione delle complicanze della coagulazione nei pazienti colpiti da Covid-19 e ci permette di guardare al futuro in maniera più ottimistica”.

“I dati ottenuti da questo studio evidenziano un altro aspetto interessante”, aggiunge la Dr.ssa Poli. “Enoxaparina è risultata un farmaco molto efficace e sicuro nel nostro e in molti altri studi, soprattutto se usata a dosaggio profilattico. I nostri risultati confermano la grande maneggevolezza di questo farmaco, noto da molti anni ai medici specialisti e ai medici di medicina generale. Enoxaparina può essere considerato uno strumento terapeutico vantaggioso anche nel contesto extra-ospedaliero e un’arma efficace per controllare il rischio tromboembolico nei pazienti Covid-19 curati a domicilio. Questo aiuterebbe a ridurre le ospedalizzazioni con una migliore gestione del paziente direttamente a casa."

Italfarmaco, azienda italiana leader nello studio e nello sviluppo di farmaci per il controllo del rischio cardiovascolare e della trombosi, è da sempre impegnata nella produzione e nella distribuzione di eparine standard ed eparine a basso peso molecolare, farmaci chiave nella prevenzione e nella cura dei problemi della coagulazione e nel controllo della trombosi.

“Siamo molto orgogliosi dei risultati ottenuti dallo studio Start-Covid-19”, afferma Paolo Zambonardi, amministratore Delegato di Italfarmaco, “perché grazie ai questi dati di “real word” sarà possibile migliorare ulteriormente la gestione estremamente complessa dei pazienti Covid- 19 nelle diverse fasi della malattia. Un risultato importante anche per Italfarmaco che con la piattaforma GhemaVid ha messo a disposizione della comunità scientifica uno strumento efficace e flessibile per approfondire le conoscenze sul Covid-19 e contribuire a contrastare le temibili complicanze tromboemboliche di questa malattia. Siamo molto orgogliosi di essere al fianco dei clinici in questa battaglia”.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    covideparinaitalfarmacopazienti
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci

    In viaggio con Ford Kuga Plug-In Hybrid alla scoperta delle bellezze di Vulci


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.