A- A+
Medicina
Malattie virali e dispositivi indossabili: lo studio di Fitbit e Scripps

Fitbit al fianco del centro di ricerca Scripps Research Translational Institute

 

Fitbit ha una partnership di lunga data con The Scripps Research Translational Institute, con cui ha collaborato su progetti come il programma di ricerca All of Us e gli studi sulla variabilità del battito cardiaco.

Scripps è una struttura di ricerca senza scopo di lucro che si concentra sulle scienze biomediche e nel 2017 è stata classificata al primo posto tra le istituzioni di ricerca più influenti al mondo. I dati aggregati e resi anonimi su attività e battito cardiaco degli utenti Fitbit hanno contribuito a nuove opportunità e scoperte di ricerca scientifica.

Più recentemente, Scripps ha pubblicato uno studio sulla Lancet Digital Health intitolato “Sfruttare i dati dei dispositivi indossabili per migliorare il monitoraggio in tempo reale delle malattie simili all’influenza negli Stati Uniti: uno studio basato sulla popolazione”.

La ricerca ha dimostrato che i dati provenienti dai dispositivi Fitbit migliorano significativamente la previsione dello stato attuale, del futuro prossimo e del passato recente di malattie simili all’influenza.

Lo studio ha dimostrato che l’utilizzo di dati sul battito cardiaco a riposo e di altri indicatori chiave della salute provenienti dai dispositivi indossabili ha il potenziale di migliorare l’osservazione e l’analisi dell’influenza in tempo reale: questa intuizione potrebbe aiutare gli operatori sanitari a rispondere più rapidamente alle epidemie.

Sulla base dei risultati dello studio sull’influenza, Scripps ha sviluppato uno studio clinico basato su un’app che permette agli adulti statunitensi di condividere i dati dei loro dispositivi indossabili per aiutare gli scienziati dello Scripps Research Translational Institute ad approfondire l’insorgenza e la diffusione delle malattie virali.

Il nuovo studio DETECT si collega ai dispositivi indossabili, compresi i dispositivi Fitbit, per determinare se il monitoraggio delle variazioni di battito cardiaco, attività e sonno individuali può fornire un’indicazione precoce di una malattia virale. Lo studio viene condotto tramite l’app mobile gratuita MyDataHelps.

Migliaia di persone potrebbero essere in grado di aiutare gli scienziati a individuare e rispondere meglio alle epidemie di malattie virali partecipando allo studio DETECT. Per farlo, gli utenti dovranno indossare il loro dispositivo Fitbit con rilevazione del battito cardiaco e scegliere di condividere i loro dati.

“Alla luce della stagione influenzale in corso e della pandemia globale di COVID-19, abbiamo enormi opportunità per ottimizzare il tracciamento delle malattie e migliorare la salute della popolazione”, afferma Jennifer Radin, PhD, esperta di epidemiologia dello Scripps Research Translational Institute che sta conducendo lo studio.


 

Commenti
    Tags:
    malattie virali edispositivi indossabilifitbitscripps research translational institute
    in evidenza
    Dazn spegne i rumors sulla Leotta E' confermata sulla Serie A . Le foto

    Sport

    Dazn spegne i rumors sulla Leotta
    E' confermata sulla Serie A. Le foto

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

    Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.