A- A+
Medicina
Oncologia di precisione: accordo Politecnico di Milano-Fondazione CNAO

Il Politecnico di Milano e la Fondazione CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica, firmano un accordo per realizzare progetti di ricerca sull’adroterapia oncologica, una forma avanzata di radioterapia, disponibile in soli 5 Paesi al mondo

L’accordo, siglato oggi a Milano, è un nuovo passo della collaborazione tra Politecnico e CNAO che insieme hanno già sviluppato tecnologie per le cure oncologiche innovative

Un accordo per portare avanti dal 2019 al 2023 progetti di ricerca sul potenziamento dell’adroterapia, forma avanzata di radioterapia con fasci di ioni carbonio e protoni, disponibile in soli 5 Paesi al mondo, tra cui l’Italia, e necessaria per curare tumori non operabili e non curabili con le terapie tradizionali: lo siglano il Politecnico di Milano e la Fondazione CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologia, di Pavia, unico centro italiano a disporre dell’adroterapia con ioni carbonio e protoni.

L’accordo è stato firmato oggi a Milano nell’ambito dell’incontro “Politecnico di Milano e CNAO: risultati e prospettive”.

CNAO e Politecnico lavoreranno, per esempio, allo sviluppo di “tecniche di inseguimento del tumore in 4D” per individuare e colpire con i fasci di particelle le lesioni tumorali che si muovono con il respiro del paziente come accade nei tumori del pancreas e del fegato, all’impiego di metodi di radiomica, per ricavare dalle immagini della risonanza magnetica previsioni e indicazioni ancora più precise sull’efficacia dei trattamenti con adroterapia, e all’elaborazione di sistemi avanzati di rilevazione e protezione dalle radiazioni.

Ferruccio Resta, Rettore del Politecnico di Milano, commenta: “L’accordo con CNAO offre una grande opportunità, quella di unire in maniera sinergica due strutture d’eccellenza su temi di ricerca comuni. Grazie ad infrastrutture uniche in Italia ed altamente competitive, Cnao è per il Politecnico di Milano un partner con il quale sviluppare iniziative uniche per potenziare il sistema della ricerca nazionale, senza duplicazioni ma giocando di squadra. Una best practice che permette a due istituzioni di affiancarsi e di creare un ambiente positivo per la formazione del capitale umano e lo sviluppo di nuove tecnologie,che traduce la ricerca in soluzioni concrete.”

Erminio Borloni, presidente del CNAO, sottolinea: “La collaborazione con il Politecnico di Milano è solida e strategica e permetterà di esplorare ulteriormente le potenzialità dell’adroterapia con cui dal 2011 a oggi il CNAO ha trattato oltre 2000 pazienti con tumori non operabili e resistenti alle terapie tradizionali. L’obiettivo di questo accordo è incrementare la ricerca per rendere l’adroterapia ancora più precisa ed efficace”

La ricerca portata avanti insieme da CNAO e Politecnico si concentrerà sulla creazione di un sistema di “Tumor Tracking 4D”, con cui si potranno localizzare le lesioni tumorali mobili, ovvero quelle che oscillano con il respiro del paziente, prevederne il movimento e fare sì che il fascio di particelle possa seguirle e colpirle in modo preciso. Questo sistema rappresenterà l’evoluzione della tecnica già adottata oggi al CNAO e sviluppata con il Politecnico negli scorsi anni che prevede che il fascio si attivi solo quando la massa tumorale è nella posizione corretta e si blocchi quando il respiro la allontana, per non danneggiare i tessuti sani. Il nuovo sistema sarà in grado invece di inseguire la lesione, senza interrompere il fascio di terapia.

Attraverso la risonanza magnetica 3 Tesla già in uso al CNAO i ricercatori inoltre intendono utilizzare strumenti di radiomica e ricavare dalle immagini elementi ulteriori ed essenziali per le cure come indicazioni sull’efficacia dei fasci di ioni carbonio sui tessuti tumorali, a seconda delle particolari caratteristiche di ciascun paziente.

La collaborazione tra Politecnico e CNAO, iniziata già nel 2004, ha già permesso di sviluppare fino a oggi alcuni strumenti e tecnologie fondamentali per il funzionamento del trattamento con adroterapia con ioni carbonio e protoni, che fa parte delle cure rimborsate dal Servizio Sanitario Nazionale, ed è disponibile in soli 5 Paesi al mondo (Italia, Cina, Giappone, Austria, Germania).

CNAO e Politecnico hanno ideato e messo in funzione un robot dotato di telecamere che monitora in tempo reale la corretta posizione degli occhi dei pazienti che sono sottoposti a un trattamento per la cura del melanoma oculare. Durante il trattamento i fasci di particelle penetrano nei tessuti per colpire in profondità il tumore ed è necessario il monitoraggio della direzione dello sguardo pianificata e dell’immobilità dell’occhio trattato durante l’irradiazione.

La collaborazione tra CNAO e Politecnico ha portato inoltre alla creazione di un particolare sistema di imaging 2D e 3D basato su un robot dotato di struttura meccanica ad arco a “C” che ruota attorno al lettino del paziente per verificarne la corretta posizione prima dell’inizio del trattamento con adroterapia.

Nell’ambito della radioprotezione, la collaborazione ha riguardato il calcolo di dati per le schermature e la loro progettazione e sono stati realizzati monitor di dose neutronica passivi, basati su rivelatori a tracce, e rivelatori attivi in grado di stimare la dose anche in campi di radiazione pulsati. Nella microdosimetria, la ricerca si è articolata nell’impiego di rivelatori a semiconduttore di dimensioni micrometriche in grado di misurare il campo di radiazioni “visto” a livello cellulare e di stimare la qualità del campo di trattamento, costituendo un “ponte” tra la dosimetria e la radiobiologia.

L’accordo si propone di consolidare e potenziare ulteriormente la proficua collaborazione, in particolare utilizzando la nuova linea sperimentale del CNAO che a breve servirà una sala con un fascio di particelle dedicato alla ricerca allargando le tematiche di reciproco interesse ad altri Dipartimenti e Laboratori del Politecnico di Milano.

 

 

 

 

CNAO, Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica, è una fondazione senza scopo di lucro, istituita dal Ministero della Salute. E’ uno dei soli 6 centri al mondo, l’unico in Italia a trattare con protoni e ioni carbonio i tumori radioresistenti e non operabili che non hanno altra possibilità di cura, come melanomi oculari, tumori solidi pediatrici e tumori ossei e del distretto testa-collo (meningiomi, carcinomi adenoideo-cistici,…). Dal 2011 a oggi CNAO ha trattato oltre 2000 pazienti.

 

Per seguire le iniziative del CNAO:

www.cnao.it

Commenti
    Tags:
    oncologia di precisione; politecnico di milano; fondazione cnao; centro nazionale di adroterapia oncologica
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...

    Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...


    casa, immobiliare
    motori
    Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo

    Quattro giorni di festa per le 111 candeline di Alfa Romeo


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.