A- A+
Medicina
Povertà, in 5mln rinunciano al dentista. Gli italiani hanno perso il sorriso

Povertà, gli italiani e la rinuncia al dentista. Numeri impressionanti

In Italia le difficoltà economiche della gente aumentano e i dati parlano di una povertà in crescita. Non aiuta certo la decisione del governo di tagliare i fondi alla sanità pubblica, scelta che costringe sempre di più le persone in difficoltà economiche a fare delle rinunce per poter curare gravi malattie. Tra queste spicca quella di non andare più dal dentista. Ogni anno - si legge su La Stampa - sono circa 5 milioni le persone che rinunciano ad andare dal dentista mettendo così a rischio non solo il sorriso ma la propria salute. Perché come documenta l’Oms le malattie orali quando non curate fanno aumentare di cinque volte il rischio di ammalarsi di diabete, malattie cardiovascolari e tumori, oppure di avere complicanze quando si è malati già. Il problema è che se per tutte le altre cure la sanità pubblica arretra, nella nostra bocca non ha mai fatto nemmeno capolino. Basti vedere i dati di spesa: 8 miliardi l'anno quella sostenuta di tasca propria dagli italiani, appena 85 milioni, lo 0,07% del totale, quella coperta dal Servizio sanitario nazionale. E molti rinunciano.

Leggi anche: Sanità malata, morto bimbo di 35 giorni. Nove Regioni senza il test neo-natale

Leggi anche: Salvini: "Sciopero ridotto dalle 9 alle 12". Sindacati confermano la protesta

Leggi anche: Il diritto allo sciopero è un meccanismo fine e delicato: non va abusato

Magari - prosegue La Stampa - facendo come Denis che racconta: "Ho imparato a parlare senza mostrare i vuoti che ho nella bocca, ma non mastico praticamente più. Avrei bisogno di vari impianti perché una malattia mi ha fatto spaccare i denti, ma ci vogliono 20 mila euro. Cifre che non posso permettermi". Ecco allora che in molti scelgono due alternative. Entrambe pericolose. La prima è quella di affidarsi, coscientemente o no, nelle mani di odontotecnici o comunque falsi dentisti che praticano prezzi stracciati senza avere una laurea. Un sommerso di 15 mila abusivi contro 60 mila "regolari”. La seconda alternativa è andare a curarsi all’estero. Lo fanno 50mila italiani ogni anno, per un totale di 6 milioni da quando è iniziato questo turismo delle cure dentarie a buon mercato. I Paesi più gettonati sono Slovenia, Croazia, Serbia, Romania e Albania. Pietro Felice, direttore di chirurgia orale a Bologna: "Un pericolo le operazioni veloci in Paesi stranieri. Non è raro che si perda l'impianto".

Iscriviti alla newsletter




in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.