A- A+
Medicina
Quali cibi bisogna evitare in caso di calcoli renali?
Calcoli renali cibi da evitare

I calcoli renali, noti anche come calcolosi renale o litiasi renale, sono masse solide formate da cristalli che si sviluppano nei reni o nel tratto urinario.

Possono variare in dimensioni, forma e composizione, ma sono generalmente costituiti da minerali e sali presenti nelle urine, come il calcio, l’acido urico, l’ossalato di calcio o il fosfato di calcio.

La formazione dei calcoli renali può essere causata da diversi fattori, tra cui un’idratazione insufficiente, un’infezione del tratto urinario o problemi nella struttura o nelle funzioni renali. Un altro fattore è l’alimentazione. Una dieta ricca di sostanze che favoriscono la formazione dei calcoli è da monitorare e modificare per evitare un peggioramento delle proprie condizioni. Vediamo quindi quali sono i cibi da evitare e quelli consigliati in caso di calcoli renali.

 

Calcoli renali: l’alimentazione consigliata

 

Seguire una dieta specifica può aiutare a prevenire la comparsa dei calcoli renali, anche se si tratta di una condizione medica che può variare a seconda di fattori individuali, come il livello di idratazione e le condizioni di salute complessive.

Un fattore importante da considerare, anche per comprendere perché non esista una dieta specifica che possa essere adatta a tutti, è la composizione dei calcoli renali. Questi, infatti, possono essere classificati in diverse tipologie, a seconda della composizione chimica dei cristalli che li costituiscono, prevedendo quindi diete specifiche. Le calcolosi renali più comuni sono:

 

  • quelle di calcio, che si formano principalmente a causa dell’eccessiva presenza di calcio nelle urine e possono essere composti da calcio ossalato o calcio fosfato;

     

  • quelle di acido urico, che si formano a causa di alti livelli di acido urico nelle urine, il quale si accumula quando l’organismo metabolizza le purine presenti in alcuni alimenti;

     

  • quelle di struvite, spesso associate a infezioni del tratto urinario e composte principalmente da ammoniaca e magnesio;

     

  • quelle di cistina, molto rare, causate da un disturbo ereditario chiamato cistinuria.

 

La composizione dei calcoli renali può essere determinata mediante l'analisi chimica del calcolo stesso o attraverso l’analisi delle urine. Questa informazione è importante per determinare le cause sottostanti e sviluppare un piano di trattamento e prevenzione adeguato per evitare la formazione di ulteriori calcoli renali. E ovviamente anche per valutare l’adozione di una dieta per calcoli renali specifica.

 

Calcoli renali: cibi da evitare

 

In base a quanto appena detto, il primo passo da fare è consultare un medico o un dietista per ricevere indicazioni più precise e personalizzate in base alla situazione specifica, in quanto nessun tipo di calcolosi è da imputare solo a un’alimentazione scorretta.

In linea generale, in caso di calcoli renali o di una predisposizione genetica ad averli, è consigliabile evitare o limitare l’assunzione di alcuni cibi, qui di seguito ne elenchiamo alcuni:

 

  • il sale, perché il sodio può aumentare l’escrezione di calcio nelle urine, favorendo la formazione di calcoli renali (sarebbe quindi meglio ridurre il consumo di cibi ad alto contenuto di sale, quali i cibi conservati, alimenti in scatola, cibi spazzatura e snack salati);

     

  • le proteine animali, in quanto il consumo eccessivo di alimenti quali carne rossa, pollame e pesce può aumentare l’escrezione di calcio e acido urico nelle urine (si consiglia anche di limitare l’assunzione di cibi quali acciughe, aringhe, sardine, crostacei, fegato, animelle, rognoni, cuore, selvaggina, oche e piccioni, alimenti ricchi di purine);

     

  • i cibi ricchi di ossalato di calcio, una delle principali componenti dei calcoli renali, tra cui gli spinaci, le bietole, il rabarbaro, il cioccolato, il tè nero, le noci, i semi di sesamo e le fragole;

     

  • le bevande zuccherate, come bibite gassate, succhi di frutta con aggiunta di zucchero e bevande energetiche, che possono aumentare il rischio di formazione di calcoli renali;

     

  • l’alcol, il cui consumo eccessivo può aumentare il rischio di disidratazione e influire sulla funzione renale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
medicinasalute




in evidenza
La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)

Italia-Croazia

La rivoluzione di Spalletti: 4 cambi in formazione (e un dubbio...)


in vetrina
Estate 2024, Fs rafforza i treni turistici: sulla linea tre nuove destinazioni

Estate 2024, Fs rafforza i treni turistici: sulla linea tre nuove destinazioni


motori
Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Audi RS 3: nuovo record al Nürburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.