A- A+
Medicina
SNAPPS: molecola a forma di stella uccide i super batteri resistenti a farmaci

SNAPPS: molecola a forma di stella uccide i super batteri resistenti a farmaci
 

Superbatteri resistenti ai farmaci tremate. Gli esperti in Australia hanno trovato una molecola a forma di stella che penetra le pareti delle cellule e di distrugge i batteri


Batteri? No super batteri. Molecola SNAPPS a forma di stella. Farmaci superati, antibiotici superati


Una molecola a forma di stella uccide i superbatteri (o super batteri) resistenti agli antibiotici. Scoperta in Australia i ricercatori dell'Universita' di Melbourne guidati da Shu Lam, del Gruppo Scienza dei Polimeri, cambiano la lotta ai batteri. ne può nascere un mondo post-antibiotici. La molecola è una catena ripetuta di proteine capace di penetrare le pareti di questi batteri ormai ribattezzatri super-batteri, uccidendoli.


Superbatteri o super batteri? Sono minacciati dalla Snapps, molecola a forma di stella killer. I dettagli
 

I super batteri sono stati definiti dall'Organizzazione Mondiale della Sanita' (Oms) come una delle piu' grandi minacce alla salute umana, dato che si adattati e ora sono resistenti a tutte le forme di antibiotici. La loro diffusione minaccia di uccidere milioni di persone ogni anno. "Questo peptide polimerizzato puo' uccidere i batteri in una moltitudine di modi", spiega Lam sulla rivista Nature Microbiology.


Super batteri, la minaccia che terrorizza l'OMS


"E' in grado di penetrare le pareti delle cellule, ma puo' anche indurre le cellule stesse ad autodistruggersi. L'obiettivo e' creare migliori alternative agli antibiotici", aggiunge. Lam e gli scienziati hanno chiamato la nuova molecola SNAPPs (Structurally Nanoengineered Antimicrobial Peptide Polymers). I peptidi antimicrobici sono stati collaudati da altri gruppi di riscerca scientifica, ma poi è stato scoperto che erano altamente tossici per l'organismo ospitante.


BATTERI E SUPER BATTERI, LA RICERCA, GLI ESPERIMENTI SUI TOPI


Lam e i suoi collaboratori hanno realizzato queste catene proteiche in forma di stelle con 16 o 32 braccia con un diametro maggiore (molto piu' grande dei 10 nanometri dei vecchi peptidi) e le maggiori dimensioni non sembrano causare danno alle cellule sane attorno  ai batteri. La squadra di Lam ha lanciato la molecola a forma di stella in provetta su sei differenti superbatteri e notato che può uccidere i batteri senza danneggiare i globuli rossi. L'esperimento è stato fatto anche su topi di laboratorio, contro un tipo di superbatterio, Acinetobacter baumannii, che e' stato ucciso senza mostrare segni di acquisizione di resistenza. Lam e i suoi però sottolineano che la ricerca e' ancora agli inizi. Nelle prossime fasi sara' testata l'efficacia del peptide su altre classi di batteri. Urge dunque una maggiore ricerca in vivo per esplorare i limiti della sua tossicita'.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
batterisuper batteribatteri molecola a forma di stellamolecola a forma di stellamolecola forma stella batterimolecola forma stella super batterisuper batteri molecolasuper batteri farmaci
in evidenza
Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

Grandi manovre a gennaio

Vlahovic, Martial e anche... Mercato, Juventus scatenata

i più visti
in vetrina
Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO

Sabrina Salerno in grande forma, social in estasi: "Fisico da ventenne". FOTO


casa, immobiliare
motori
Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro

Nissan svela la versione speciale JUKE Kiiro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.