A- A+
Medicina
Società italiana malattie infettive: accogliete le feste con nuova prudenza

Gli infettivologi della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali – SIMIT predicano prudenza in vista delle prossime festività. I dati relativi alla variante omicron restano ancora incerti. In Italia il numero di contagi con questa variante è ancora limitato, ma le cifre di contagi, ricoveri e decessi sono ormai in continuo aumento e i dati dell’OMS lasciano presagire che omicron potrebbe diventare dominante in Europa. Molti Paesi si sono già blindati con nuovi lockdown o con ulteriori misure restrittive. In Italia, dove i numeri attualmente sono più contenuti che altrove, per evitare un’impennata dei contagi, sono allo studio regole che verranno varate nella cabina di regia del Governo di giovedì 23. In vista delle prossime decisioni dell’esecutivo, la SIMIT suggerisce di partire da alcuni presupposti che possano consentire una riduzione del rischio.

"Non date niente per scontato"

"Molti dei consigli lanciati in queste ore sono quelli che si ripetono da tempo, ma che non perdono mai di attualità e, anzi, con la nuova variante assumono ancora maggior rilievo. “La rapidità di trasmissione della variante omicron apre la prospettiva di scenari in cui il virus possa estendere ulteriormente la sua circolazione – sottolinea il Prof. Claudio Mastroianni, Presidente SIMIT – Resta pertanto fondamentale vaccinarsi e procedere rapidamente con la terza dose, unica per ora in grado di proteggerci dalla variante omicron; tenere sempre le mascherine anche all’aperto; mantenere il distanziamento; lavare frequentemente le mani; ridurre i contatti tra gruppi di persone in contesti sociali e lavorativi; effettuare un tampone se ci si reca in luoghi affollati o in caso di partecipazione a grandi eventi.

 

ECCO IL NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO SIMIT

 

Il 2022 si annuncia ancora faticoso sul fronte pandemia. La nuova variante omicron è oggetto di studio e probabilmente il picco di questa nuova ondata nel nostro Paese sarà raggiunto nel corso del mese di gennaio. Ma l’attenzione della SIMIT è rivolta anche ai grandi temi dell’infettivologia dei giorni nostri: le infezioni da HIV; le epatiti virali,con particolare riguardo per l’epatite C e la necessità dell’emersione del sommerso; la lotta alle infezioni da microrganismi multiresistenti e la necessità di un corretto uso delle terapie antimicrobiche; l’estensione dell’impiego delle vaccinazioni, con particolare riferimento alle vaccinazioni dell’adulto e delle persone fragili; le infezioni emergenti e la Salute globale, un filone che include le malattie tropicali e le infezioni trasmesse da vettori; lo sviluppo delle rete infettivologica a livello non solo ospedaliero, ma anche territoriale. La società scientifica si appresta ad affrontare vecchie e nuove sfide con un rinnovato impegno supportato da un nuovo direttivo eletto a seguito del XX Congresso tenutosi a Milano tra il 28 novembre e il 1° dicembre. A fianco del nuovo Presidente Claudio Mastroianni, Professore Ordinario di Malattie Infettive, Sapienza Università Roma, del confermato Direttore Scientifico Massimo Andreoni, Professore Ordinario di Malattie Infettive Università "Tor Vergata" Roma, e del Past President Marcello Tavio, Direttore UOC Divisione di Malattie Infettive Emergenti e degli Immunodepressi, AOU Ospedali Riuniti di Ancona, vi saranno il Vicepresidente Roberto Parrella, Direttore UOC Malattie Infettive ad indirizzo respiratorio AORN Ospedali dei Colli "Monaldi-Cotugno-CTO" Napoli; il Segretario Marco Falcone, Professore associato Clinica delle Malattie Infettive, Azienda Ospedaliera Pisana, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Pisa; il Tesoriere Antonio Cascio, Professore Ordinario di Malattie Infettive Università di Palermo. Fanno parte inoltre del nuovo Direttivo nazionale Giovanni Di Perri, Professore Ordinario di Malattie Infettive, Università degli Studi di Torino; Paolo Grossi, Professore Ordinario di Malattie Infettive, Università dell’Insubria, Varese, Cristina Mussini, Professore Ordinario di Malattie Infettive, Università di Modena e Reggio Emilia; Caterina Sagnelli, Professore Associato di Malattie Infettive, Università della Campania Luigi Vanvitelli, Napoli; Emanuele Nicastri, Direttore UOC Divisione di Malattie Infettive ad Alta Intensità di Cura - IRCCS INMI Spallanzani, Roma; Giovanni Mazzola, Direttore UOC Malattie Infettive Ospedale Sant'Elia di Caltanissetta; Angelo Pan, Direttore Unità di Malattie Infettive dell'ASST di Cremona; Danilo Tacconi, Direttore UOC Malattie Infettive - Arezzo Responsabile AFD Medicine Specialistiche Azienda Usl Toscana Sud Est; Andrea Giacomelli, Dirigente medico Ospedale Luigi Sacco, Divisione Clinicizzata di Malattie Infettive; Alberto E. Maraolo, Dirigente Medico AORN dei Colli Ospedale Cotugno – Napoli. Nel consiglio infine sono presenti i probiviri Giampiero Carosi, Gioacchino Angarano, Francesco Mazzotta, Orlando Armignacco e i revisori dei conti Marco Tinelli, Antonio Chirianni e Federico Sansoni.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    covidinfettivologonataleomicron
    in evidenza
    In gol Arturo Calabresi È il figlio del Biascica di Boris

    Coppa Italia, Roma-Lecce

    In gol Arturo Calabresi
    È il figlio del Biascica di Boris

    i più visti
    in vetrina
    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.