A- A+
Medicina
Tumore al seno, il cancro più diffuso al mondo,superato il tumore al polmone

Per ricordare, a chi se lo fosse dimenticato, che ci si continua ad ammalare anche di altro al di fuori del Coronavirus, l’OMS ha sostenuto che il cancro al seno è il tumore più diffuso al mondo.

Questa patologia, con 2,3 milioni di diagnosi nel 2020 (11,7% del totale) ha superato il cancro al polmone, che ha mantenuto il triste primato per molti anni.anni.

La più alta incidenza è dovuta ad una combinazione di vari fattori tra cui: una maggiore quantità di diagnosi con tecniche di screening della popolazione e poi fattori sociali come l'invecchiamento della popolazione, la maternità ritardata, il minor allattamento al seno, la mancanza di prole, l'assunzione della pillola contraccettiva.

A questi si aggiungono obesità, stile di vita sedentario, consumo di alcool e diete inadeguate.

Poiché la maggior parte di questi fattori di rischio si è storicamente verificata nei paesi sviluppati, anche l'incidenza in essi è stata più elevata.

Il recente rapporto dell'OMS ha sottolineato come l'incidenza però "stia crescendo rapidamente anche in Sud America, Africa e Asia, così come in Giappone e Corea del Sud", aree dove lo sviluppo era sempre stato contenuto.

Il maggior impegno femminile nel mondo del lavoro, in minima parte, contribuisce a questo trend poiché costringe a ritardare la gravidanza e, in molti casi, a fare anche a  meno di attività fisica.

La notizia positiva è che i dati sulla mortalità stanno diventando sempre più bassi: il tasso di sopravvivenza globale è dell'85,5% cinque anni dopo la diagnosi di questo tumore. Questi dati positivi sono in gran parte dovuti al grande sforzo che la comunità scientifica sta da anni dedicando alla migliore comprensione e cura della malattia: il cancro al seno è di gran lunga il tipo di cancro che genera il maggior numero di studi clinici.

La maggior parte di questi studi si concentra principalmente sul miglioramento dei trattamenti, che variano principalmente a seconda del sottotipo di cancro al seno.

Tre tipi di tumori si differenziano a seconda che esprimano o meno i recettori degli estrogeni, progesterone e / o HER2. Il sottogruppo più frequente è il tumore luminale, che esprime i recettori degli estrogeni o del progesterone. Rappresenta il 70% dei tumori diagnosticati.

La grande rivoluzione nel trattamento di questi tumori è arrivata solo pochi anni fa, con l'approvazione degli inibitori del ciclo cellulare - i famosi palbociclib, ribociclib e abemaciclib - che fanno parte di quelle che sono conosciute come "terapie mirate". Nel caso di questi inibitori, impediscono la proliferazione delle cellule e quindi riducono la progressione della malattia. Vi è così un controllo duraturo del tumore negli stadi avanzati, una più lunga sopravvivenza dei pazienti e un ritardo nell'uso della chemioterapia, con evidenti benefici in termini di qualità della vita.

In ogni caso tutti i sanitari sono concordi nel ritenere che occorra migliorare la diagnosi precoce. L’opportunità di cura per i pazienti è quando la malattia viene diagnosticata localizzata.

Per ora, la principale forma di diagnosi precoce del cancro continua ad essere la mammografia che è in grado di ridurre la mortalità fino al 40% nelle donne di età compresa tra 50 e 69 anni. Tuttavia, negli ultimi anni, l'efficacia di questo test diagnostico è stata messa in dubbio e tutti gli esperti concordano sul fatto che la riduzione della mortalità che produce è, in ogni caso, insufficiente.

Per questo la scienza investe tempo e denaro anche nella ricerca di un test di screening efficace, non solo per la popolazione generale, ma soprattutto per tenere sotto controllo i pazienti che hanno già superato la malattia: bisogna fare una mammografia ogni tre o sei mesi. Se qualcosa ricompare lo si tratta immediatamente.

Per arrivarci prima, la grande promessa è la biopsia liquida, un esame del sangue che cerca di rilevare i geni mutanti del cancro prima che sia visibile con altri mezzi. Il problema con la biopsia liquida è che non è ancora abbastanza sensibile. Questo vuole dire che molti pazienti continuano ad avere recidive senza che nel test venga rilevata alcuna prova del DNA tumorale. Ma anche così, i medici sono ottimisti sullo sviluppo della tecnica e prevedono che a poco a poco la sua sensibilità aumenterà.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    tumore al senotumore al polmonecancro al senoomsbiopsiacoronavirus
    in evidenza
    Ognissanti, caldo quasi estivo Alta pressione da Nord a Sud

    L'inverno è lontano

    Ognissanti, caldo quasi estivo
    Alta pressione da Nord a Sud

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.