A- A+
Medicina
Zika provoca ritardo mentale nel feto: c'è la prova

Uno studio pubblicato oggi sul giornale Cell Stem Cell dimostra per la prima volta che il virus Zika attacca e distrugge le cellule cerebrali umane in via di sviluppo. La ricerca è stata condotta in laboratorio da ricercatori americani ed è la prima prova scientifica che potrebbe spiegare l'aumento significativo di casi di microcefalia del feto in alcuni Paesi toccati dall'epidemia, come il Brasile.

Zika: ginecologo, microcefalia? Non c'e' diagnosi precoce - La microcefalia e' una malformazione del cranio che causa, in primis, ritardo mentale nel feto. Una diagnosi precoce in gravidanza non e' possibile: solo verso la fine del secondo trimestre o l'inizio del terzo puo' essere rilevata con certezza. Per proteggersi dal virus Zika, la cui connessione con questo tipo di malformazione appare sempre piu' certa, la prima raccomandazione e' evitare le zone a rischio. "E' una malformazione del cranio dovuta a un mancato sviluppo del cervello", ha spiegato di recente all'Agi Salvatore Forleo, ginecologo ed esperto di diagnosi prenatale. "In fase di diagnosi prenatale viene rilevata attraverso la misura della circonferenza del cranio e ne esistono di due tipi: una di media entita', quando la circonferenza cranica e' al di sotto del quinto percentile, e una di grave entita', inferiore al terzo percentile. In quest'ultimo caso, ad esempio, se la circonferenza cranica di un feto e' al di sotto del terzo percentile vuol dire che 97 feti su 100 hanno una circonferenza cranica piu' grande". Ma cosa comporta la microcefalia? "Ritardo mentale, convulsioni, ritardo nello sviluppo, problemi motori, sordita' e problemi visivi. Il cervello si ferma, il virus attacca le cellule neuronali impedendone lo sviluppo o distruggendole. Purtroppo e' incurabile, esistono solo trattamenti palliativi; ad esempio per le convulsioni o i disturbi del comportamento". Il momento in cui la donna in gravidanza rischia di piu', prosegue l'esperto, e' "sicuramente il primo trimestre e la fase iniziale del secondo" mentre la "diagnosi prenatale e' possibile a partire dalla 18esima-20esima settimana, attraverso esami 'seriati', cioe' ripetuti. Parliamo della tarda fase del secondo trimestre o l'inizio del terzo" mentre "quando si effettua l'ecografia morfologica puo' venire il sospetto ma alcuni casi di microcefalia possono non essere rilevati". "L'incidenza della microcefalia e' di 2-12 casi ogni 10mila nati", precisa ancora Forleo. "Numeri piuttosto modesti che fanno apparire come significative le 5mila segnalazioni di microcefalia arrivate al centro di controllo di Atlanta (Cdc), negli Usa. Di queste, 500 circa sono state correlate, ovvero sono state legate specificamente al virus Zika". Al momento non ci sono test commerciali" per diagnosticare lo Zika, i test sono disponibili solo presso i centri di prevenzione nazionale. Va detto che esistono molti altri fattori che possono causare microcefalia: "Puo' essere dovuta a cause genetiche, cioe' alterazioni cromosomiche e geniche. Puo' essere determinata da infezioni, come il citomegalovirus, la toxoplasmosi o la rosolia. Altri fattori sono di origine disfunzionale e derivano dalla mancata irrorazione dell'encefalo del feto. L'uso di droghe o l'eccesso di alcol possono per esempio provocare, appunto, danni vascolari", spiega Forleo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
zikaritardo mentalefeto
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore

i più visti
in vetrina
Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


casa, immobiliare
motori
Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.