A- A+
Auto e Motori
Stellantis, produzione in calo. Fim Cisl chiede l'intervento del governo

Produzione Stellantis in calo: Fim Cisl chiede l'intervento del governo

La produzione di Stellantis in Italia è in forte calo. Secondo il report presentato dalla Fim Cisl a Torino, nel primo semestre del 2024 dalle fabbriche italiane del gruppo sono usciti 303.410 veicoli commerciali e auto, segnando un decremento del 25,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

La Fim Cisl prevede che, entro la fine dell'anno, la produzione totale sarà poco sopra i 500mila veicoli, un calo significativo rispetto ai 751mila del 2023. Questo dato è allarmante se confrontato con la soglia di un milione di veicoli fissata per il 2030 dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, e condivisa da Stellantis.

LEGGI ANCHE: Immobiliare, i prezzi salgono dell'8,5% ma c'è meno interesse per l'affitto

Il segretario generale della Fim, Ferdinando Uliano, ha sottolineato l'urgenza di un intervento governativo: "Il governo rispetti l'impegno di convocarci entro luglio a Palazzo Chigi per definire impegni e garanzie per il rilancio di un settore in difficoltà".

Nel dettaglio, il semestre ha visto una produzione di 186.510 auto, in calo del 35,9% rispetto al 2023, mentre i veicoli commerciali hanno registrato una lieve crescita del 2%, con 117.000 unità prodotte. Nonostante la tenuta di Pomigliano e Atessa, tutti gli altri stabilimenti sono in difficoltà, con Melfi e Mirafiori che registrano rispettivamente cali del 57,6% e del 63%.

La Fim Cisl attriuisce questi risultati negativi al ritardo negli incentivi per le auto ecologiche, avviati solo un mese fa, e al rimbalzo negativo dopo un 2023 in crescita, anno in cui si erano superati i problemi legati al Covid e alla carenza di semiconduttori.

Il Polo produttivo di Mirafiori sta perdendo volumi significativi nella produzione della 500 elettrica e non riesce più a compensare il calo continuo delle Maserati. Gli stabilimenti di Melfi e Cassino, invece, sono in una fase di attesa per la transizione alle future produzioni sulle nuove piattaforme Stla Medium e Stla Large previste per il 2025.

Per quanto riguarda i veicoli commerciali leggeri (Lvc) di Atessa, la crescita riscontrata nel primo trimestre del 2023 (+28,5%) si è interrotta, stabilizzandosi con un modesto +2% rispetto allo scorso anno.

In un contesto così sfidante, la Fim Cisl ribadisce la necessità di un dialogo urgente con il governo per discutere misure concrete di supporto al settore. L'industria automobilistica italiana, che ha una lunga tradizione e rappresenta un pilastro dell'economia nazionale, ha bisogno di interventi mirati per superare le attuali difficoltà e prepararsi alle sfide future, soprattutto in vista della transizione verso una mobilità più sostenibile.

Il calo produttivo di Stellantis riflette non solo le difficoltà contingenti, ma anche la necessità di una strategia di lungo periodo che possa garantire la competitività del settore. Uliano e la Fim Cisl chiedono quindi un impegno deciso e tempestivo da parte del governo, per evitare che il settore automobilistico italiano perda ulteriormente terreno in un mercato sempre più competitivo.






in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore



motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.