A- A+
Politica
Assegno unico, lo Stato punisce chi non ha papà o mamma. Promesse, zero fatti

Assegno unico, anno nuovo, promesse vecchie


Vedremo. Faremo. Sistemeremo. Anno nuovo, promesse vecchie. La gravissima discriminazione nell'assegno unico nei confronti delle famiglie monogenitoriali non è stata sanata nella Legge di Bilancio dal Centrodestra di governo (non che Pd e M5S si siano spesi, solo Azione-Italia Viva ci ha provato davvero) e ora con il nuovo anno tornano le rassicurazioni sul fatto che, prima o poi, alla prima occasione, si interverrà. Forse. Quando? Non si sa.

Il fatto, sollevato da Affaritaliani.it, è ormai noto ed è a conoscenza di tutti i membri del governo e del Parlamento. Per lo Stato italiano una famiglia monogenitoriale (circa un milione) non ha diritto alla maggiorazione di 30 euro al mese a figlio perché il secondo genitore del o dei bambini/ragazzi non lavora. Non importa che sia al cimitero (oppure che sia un caso di ragazza madre abbandonata dal padre del bimbo o bimba). Per lo Stato italiano, per il Centrodestra guidato da Giorgia Meloni, per il Pd e per il M5S è normale equiparare il marito (o il compagno) o la moglie (o la compagna) morta al fatto che siano sul divano a mangiare patatine e a guardare la televisione, senza quindi lavorare.

Vedremo questa volta se alle promesse seguiranno i fatti. Visto che il caso è stra-noto a tutti. Per ora, come ci ha insegnato Greta, solo bla bla bla.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
assegno unico 2023assegno unico famiglie monogenitorialiassegno unico governoassegno unico vedove vedovi





in evidenza
Atleta iraniano di MMA prende a calci una ragazza che non indossa il velo

Foto e video

Atleta iraniano di MMA prende a calci una ragazza che non indossa il velo


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

Dacia rivoluziona il nuovo Duster, più tecnologico e sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.