A- A+
Politica
Autonomia, Calderoli povero illuso. "Va in pre-Cdm". Ma nessuno la vuole

L'autonomia regionale differenziata, sulla quale Calderoli ha lavorato davvero in maniera seria, trova la contrarietà di Fratelli d'Italia, dei presidenti di Regione di Forza Italia del Sud e perfino dei leghisti eletti al Mezzogiorno


"Martedi' prossimo presentero' il testo aggiornato in pre-Consiglio e credo che nella settimana prossima potra' essere approvata la proposta di legge in maniera preliminare. Poi andra' in conferenza unificata per il relativo parere e poi in Cdm per l'approvazione definitiva e infine avviata all'esame in Parlamento". L'ha detto il ministro Roberto Calderoli parlando della bozza della norma per l'Autonomia differenziata delle regioni nel corso di un dibattito organizzato da Confindustria a Venezia. Calderoli insiste, va avanti, e fa annunci che resteranno vuoti. Aria fritta. Come sanno perfettamente anche nella stessa Lega. L'autonomia regionale differenziata, sulla quale Calderoli ha lavorato davvero in maniera seria, trova la contrarietà di Fratelli d'Italia, dei presidenti di Regione di Forza Italia del Sud e perfino dei leghisti eletti al Mezzogiorno, come ha ben spiegato il leghista calabrese (contraddizione in termini) Domenico Forgiuele. All'interno della stessa Lega, fonti qualificate spiegano che non ci sono speranze, non ci sarà alcun via libera entro l'anno e forse l'ok arriverà entro fine legislatura ma con un testo decisamente annacquato.

"Io sono convinto che prima di tutto sia necessario fare una ricognizione di cosa sono le funzioni e i servizi che vengono erogati in relazione a quelle materie". Lo ha affermato Roberto Calderoli, Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, a margine del convegno di Confindustria oggi a Venezia, parlando dei Lep. "Dopodiche' una volta che saranno noti i contenuti di quelle materie, una regione per volta verra' e chiedera' al governo. Ci sara' un governo che rispondera' si' o no, un Parlamento che esprime un parere e poi un voto con maggioranza assoluta. Si chiama differenziata proprio perche' va gestita 'cum grano salis'", ha spiegato.

Confindustria, autonomia differenziata non spacchi Paese - "L'autonomia differenziata non può e non deve diventare un nuovo tema che spacca il Paese, che penalizza la crescita dell'economia e la stabilità della finanza pubblica". Confindustria, con il vicepresidente Vito Grassi, lancia il messaggio da Venezia dove ha riunito ieri a porte chiuse le articolazioni del sistema di rappresentanza degli industriali (per un confronto ampio su tutti i temi aperti), e dove oggi in un evento pubblico è atteso anche il ministro Roberto Calderoli. "Questioni pesanti", servono "risposte chiare" per "realizzare quella convergenza nazionale che, come Confindustria, auspichiamo con tutte le nostre forze".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
autonomia calderoli





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.