A- A+
Politica
Fi, Tajani stoppa il congresso. Renzi, Lega, Meloni si contendono la diaspora
Matteo Renzi, 48 anni, già premier dal 22 febbraio 2014 al 12 dicembre 2016, neo direttore del Riformista

Berlusconi in ospedale, patto fra Marina Berlusconi e Marta Fascina

Al fianco di Silvio Berlusconi in ospedale è costante la presenza della 'moglie' Marta Fascina, del fratello Paolo e dei figli, Marina, Pier Silvio, Barbara, Eleonora e Luigi, che vanno e vengono in ordine sparso in ospedale, ma sono presenti tutti insieme a un certo punto del pomeriggio. Ma intanto si registrano grandi manovre sul futuro politico di Forza Italia. "Il presidente è sempre attivo. Anche stamattina, ha telefonato ad alcuni dirigenti proprio per preparare i lavori del Parlamento nella settimana subito dopo Pasqua", fa sapere il capogruppo alla Camera, Paolo Barelli. "Ci sarà una convention il 5 e il 6 maggio e contiamo anche sulla presenza del presidente", aggiunge Barelli.   

La manifestazione nazionale, che ricalca quella organizzate l'anno scorso a Napoli e Roma, era stata convocata a Milano proprio per permettere al Cavaliere di raggiungere l'evento facilmente da Arcore. Difficile ora che Berlusconi possa parteciparvi in presenza, si spera semmai che possa registrare e inviare, se vi saranno ulteriori miglioramenti delle sue condizioni di salute, un contributo video. Ma da parte dei vertici di FI - ieri è stata fatta una riunione organizzativa - resta l'idea di mantenere l'appuntamento, anche per far vedere che il partito è "vivo, va avanti".

Tajani stoppa il Congresso ma Fi è al bivio: grande centro con Renzi o Pdl 2.0 con Meloni

In FI vengono comunque smentiti - alcuni come prematuri, altri come inverosimili - i retroscena su possibili successioni o cambiamenti imminenti nel partito. Nessuno smentisce il fatto che la figlia Marina da qualche tempo sarebbe più partecipe alla gestione delle vicende di partito, sempre comunque da lontano, senza un coinvolgimento diretto. Ma da molti nel partito viene valutata come inverosimile l'indiscrezione secondo cui il suo coinvolgimento diverrà diretto in futuro. Sono smentite anche tutte le indiscrezioni di stampa riguardo a un eventuale congresso per confermare la leadership di Antonio Tajani. "Non se ne è mai parlato. Nessuno ha mai parlato di congressi, di dopo Berlusconi. Perché, grazie a Dio, Berlusconi è operativo. Sembrano un po' jettatorie queste indiscrezioni che non esistono. Nessuna parla di congressi, nessuno litiga”, taglia corto lo stesso Tajani.     

Così come sono smentite le ricostruzioni, diffuse dai detrattori del vicepremier, di una 'fronda' pronta ad appellarsi allo statuto di FI per detronizzarlo dal ruolo di coordinatore nazionale (che non esisterebbe nello statuto). Chi smentisce queste indiscrezioni fa notare che Tajani è anche vice presidente di FI. Infine, non corrisponderebbero al vero gli imminenti movimenti in uscita, raccontati dalla stampa, di 'pezzi' di FI al Senato verso il gruppo Lega. Nessuno smentisce timori di balcanizzazione verso la Lega, il Terzo Polo e FdI, ma in uno scenario 'post Berlusconi'. Non è un tema ora in agenda: se ne parla "tra tre anni almeno", si commenta.

La Stampa parla di un patto tra Marina Berlusconi e Marta Fascina. "Dopo i contrasti la figlia e la compagna del Cav devono gestire questa fase La tregua siglata ad Arcore con un obiettivo comune: supportare Meloni", scrive la Stampa. All'interno del partito ci sarebbero manovre sia verso la Lega che verso il centro, guardando a Renzi da una parte e Crosetto dall'altra.

Secondo Repubblica, "in questi giorni sono tanti i centristi e moderati che lo stanno pressando per tornare davvero in campo e diventare lui il frontman che manca per far rinascere l’araba fenice, la nuova Dc che risorge. Lui, Matteo Renzi, dal canto suo lancia messaggi di grande apertura. Ma non è il solo ad essere compulsato in questi giorni: altri centristi, dentro la Lega e nel fronte di Noi con l’Italia pensano che il frontman ideale sia invece il ministro della Difesa Guido Crosetto. I due, Renzi e Crosetto, hanno comunque una cosa in comune oggi: un filo diretto con la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, che vuole puntellare il centrodestra approfittando del fatto che di moderati in casa Pd non se ne parla molto".

Secondo il Fatto Quotidiano, Ronzulli, Cattaneo, Mulè e la capogruppo guardano a Salvini (preoccupando Meloni). Per il Corriere della Sera, invece, resta in piedi l'ipotesi di un grande partito Pdl 2.0 sotto il controllo di Meloni. "Tradotto vuol dire che presto o tardi si arriverà al bivio. E che la premier avrà un compito determinante nella scelta. Da una parte c’è l’opzione del rassemblement, una sorta di Pdl 2.0 che sia funzionale all’ambizione di Meloni di costruire in Europa un «percorso comune tra Conservatori e Popolari», capace di guidare l'Unione".

Ma anche il Corriere riconosce il ruolo molto attivo di Renzi. "Il fondatore di Iv, all’ombra del nuovo incarico giornalistico, si sta muovendo con i dirigenti azzurri. A sentire fonti accreditate «dialoga anche con Marina Berlusconi, con la quale vanta ottimi rapporti»".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconilegatajani





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Mercedes EQE SUV: innovazione e versatilità nel segmento elettrico

Mercedes EQE SUV: innovazione e versatilità nel segmento elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.