A- A+
Politica
"Così arriviamo al 37 per cento". Il sondaggio 'top secret' di Silvio


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Perché Silvio Berlusconi ha accettato l'innalzamento della soglia per ottenere il premio di maggioranza al 37% nella nuova legge elettorale? Semplice. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, il Cavaliere avrebbe commissionato un sondaggio super-segreto a un istituto demoscopico statunitense, che solitamente si occupa delle ricerche per le elezioni Usa, che darebbe allo stato attuale alla coalizione di Centrodestra la 'magica' cifra del 37%.

Per questo motivo il leader di Forza Italia sta cercando di allargare lo schieramento e ha spinto per inserire nell'Italicum la norma 'salva-Lega', al fine di non perdere il sostegno del Carroccio alle prossime elezioni politiche. Non solo. Quando (e non se perché è praticamente certo) il Pd lancerà il comma 'salva-Vendola' - ovvero la possibilità che il primo partito sotto lo sbarramento del 4,5% ottenga comunque seggi in Parlamento - Berlusconi non si opporrà, proprio perché questa clausola serve nel Centrodestra per uno degli alleati di Forza Italia.

Con la Lega tranquilla per la norma 'regionale' inserita nella riforma, ora si pensa alle altre formazioni della coalizione. L'ipotesi è quella che l'Udc di Casini confluisca nel Nuovo Centrodestra, ma Alfano potrebbe non accettare il leader ex democristiano in Ncd e quindi si parla anche di una lista Popolari-Udc, guidata appunto da Casini, che sia la quinta gamba della coalizione. Il ministro dell'Interno si sente forte e non vorrebbe imbarcare Casini, pronto comunque a dar vita a un nuovo partito cattolico-centrista che ispiri al PPE e che racchiuda anche una parte di esponenti di Scelta Civica (non i montiani).

Poi c'è il capitolo destra. Come annunciato da Ignazio La Russa ad Affaritaliani.it si sta di fatto ricreando Alleanza Nazionale, che va oltre gli ex esponenti del partito di Via della Scrofa e che potrebbe quindi riconquistare una fetta di elettori orfani della Fiamma, ricomponendo le varie anime (Fratelli d'Italia, Storace e non solo). Ma torniamo al sondaggio segretissimo del Cav. Al momento attuale, quindi prima della campagna elettorale e senza ancora aver trovato un candidato premier, la mera somma delle sigle di Centrodestra arriva al 37%. Ecco come. Forza Italia tra il 20 e il 21%. Ncd e la nuova Alleanza Nazionale entrambe al 5%. La Lega di Salvini tra il 4 e il 5% e i Popolari-Udc al 2%. Totale 36-38, valore di mezzo 37%.

E gli altri partiti? Il Pd di Renzi si attesterebbe al 30% con un 4% in più che arriverebbe da Sel di Vendola e un per cento dagli altri di Centrosinistra. Vantaggio quindi di due punti. Ecco perché Berlusconi ha riaccolto Casini, non attacca più Alfano, favorisce la riaggregazione a destra e difende a spada tratta la norma 'salva-Lega'. Tutto si tiene.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconicasinicentrodestra
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.