A- A+
Politica
Caro-bollette, maggioranza nel caos. Salta il contributo di solidarietà

Governo, niente anche neanche sul taglio dei contributi una tantum, nel 2022, concentrato sui lavoratori sotto i 35mila euro

 

Governo in alto mare sul caro-bollette. In Consiglio dei ministri non è stato raggiunto un accordo sul possibile "contributo di solidarietà" a carico dei redditi sopra i 75 mila euro per sterilizzare almeno in parte gli aumenti dei costi delle utenze energetiche.  La misura, presentata dal premier Mario Draghi nella cabina di regia a Palazzo Chigi sulla manovra, è stata respinta dai partiti e il Cdm è stato sospeso visto che le forze della maggioranza non hanno trovato un'intesa nemmeno sull'imnpianto generale del taglio delle tasse.

Il contributo sarebbe stato a carico di chi guadagna più di 75 mila euro. Il Movimento 5 stelle, il centrodestra e Italia viva avrebbero espresso perplessità. Favorevoli alla proposta sarebbero stati, invece, il Pd e Leu. Una misura che se fosse stata confermata avrebbe abbracciato una platea non secondaria di contribuenti. Stando ai dati sulle dichiarazioni dei redditi disponibili sul sito del Mef, sopra i 75 mila euro ci sono circa un milione di contribuenti, pari al 2,43% del totale.

Nel dettaglio, spiega l'Ansa, si sarebbe trattato di annullare gli effetti del taglio Irpef per i redditi sopra i 75 mila euro, ottenendo un risparmio di 248 milioni di euro. In sostanza quindi non sarebbe stato un aumento di tasse per questa fascia di reddito, ma un "mancato taglio". Il grafico qui sotto mostra nel dettaglio quali sono infatti i benefici ( e quindi il relativo stanziamento) per le diverse fasce di reddito. Se ad esempio si annullassero i benefici sopra i 55 mila euro verrebbero coinvolti altri 919 mila contribuenti, con un ulteriore risparmio di 430 milioni di euro.

Non è comunque l'unico intervento al vaglio in tema fiscale.  In discussione c'è anche un taglio dei contributi una tantum, nel 2022, concentrato sui lavoratori sotto i 35mila euro, attingendo dai risparmi ricavati della riforma di Irpef e Irap. All'intervento sarebbe dedicato circa un miliardo e mezzo. L'asticella del reddito cui applicare la riduzione del cuneo contributivo sarebbe ancora oggetto di valutazione.

Commenti
    Tags:
    bollette governo no accordo
    in evidenza
    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    Esportazioni

    Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

    i più visti
    in vetrina
    Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

    Pnrr e opportunità per le Pmi
    CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

    Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.