A- A+
Politica
Il capo del Cinema America prende in ostaggio il Campidoglio: "Datemi 300 mila euro o non esco"
Nicola Zingaretti e Valerio Carocci

Tra l’altro, in passato il Campidoglio non ha mai sostenuto economicamente la manifestazione estiva del Cinema America-Troisi. Ad accontentare Carocci ci pensava solo Zingaretti. Ora Carocci afferma che il sindaco Gualtieri lo avrebbe ricevuto a fine marzo in un colloquio privato e gli avrebbe assicurato che si sarebbe speso per garantire continuità all'iniziativa.

LEGGI ANCHE: Michela Murgia: "Col G8 di Genova è iniziata la democratura. Nuovo fascismo"

E così, proprio a pochi giorni dall’esito del bando dell’Estate Romana, Carocci fa l’impaziente e chiede certezze, sostenendo di non rientrare tra i parametri del bando. Ma come scrive Repubblica, il Cinema America porta a casa solo 25 mila euro lordi l’anno: una cifra sicuramente non all’altezza delle aspettative e che difficilmente farebbe salire l’acquolina necessaria per sganciare i suddetti 300 mila euro.  

E, come se non bastasse, dopo una prolifica riunione con il Sindaco, il Capo di Gabinetto e il Capo Segreteria, i quali hanno promesso di impegnarsi affinché non venga annullata la nona edizione de “Il Cinema in Piazza”, Carocci rivela che per il primo anno si farà carico di anticipare le spese senza la certezza o la pretesa del sostegno pubblico richiesto.

Dal caso Carocci, dunque, tutti gli scontenti potranno andare tutti a bussare in Campidoglio, anzi potranno occuparlo e pretendere di parlare col sindaco, e trattenerlo per 6 ore, anche alzando la voce, perché l'arroganza paga e paga bene a quanto pare.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
caroccigualtieri





in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

DOBA: la rivoluzione digitale per prenotare la tua nuova DACIA

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.