A- A+
Politica
Civati: "Il Pd non è più quello della Leopolda"

"Prima ti menano e poi ti chiedono la pace". Con queste parole Pippo Civati, dopo la sua uscita dal Pd, torna a parlare dei motivi del suo addio a Renzi: "Sono stato tra i primi a conoscerlo, forse per questo sono il primo a mollare". Civati parla da Minoli, a Mix su Radio24, e non fa sconti ai suo ex compagni: "Non è il partito che c'eravamo detti alla Leopolda".

E a chi gli chiede perché non lascia anche il Parlamento spiega che lo farebbe pure, se questo governo non si reggesse sui transfughi, su gente che ha cambiato idea. Anche perché "io ho fatto la primarie non sono un nominato", conclude Civati. La legge elettorale ideale non esiste, fa notare Minoli. "Certo, ma quelle brutte si riconoscono subito", chiusa l'ex Pd

Iscriviti alla newsletter
Tags:
civatipdleopolda
in evidenza
"Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

Esclusiva/ Parla Gianni Russo

"Un film che rimarrà nella storia"
Ennio, intervista al produttore

i più visti
in vetrina
Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"


casa, immobiliare
motori
Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma

Mercedes e Luminar insieme per accelerare sulla guida autonoma


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.