A- A+
Politica
E' colpa degli immigrati? No! Ecco perché

“Prima gli italiani” non perché ci rubano il lavoro, non per una questione di carattere economico come spesso si sente dire da coloro che agiscono in difesa del nostro popolo


Immigrato, profugo, migrante, chiamatelo come volete. Certo è che negli ultimi anni è su di lui che il dibattito si inasprisce e su di lui si giocano diverse interpretazioni su cosa sia giusto fare. Un mio punto di vista anche molto provocatorio è che gli europei si dovrebbero unire agli immigrati, profughi, migrati o come volete chiamarli per sovvertire il sistema turbo capitalista per cui negli ultimi anni la forbice tra ricchi e meno ricchi si è decisamente allargata, il neocapitalismo a uso e consumo di pochi è il vero colpevole dello sfruttamento  delle persone come dei popoli.

La questione sul perché vengano indotti a venire in Europa è semplice. Servono ad abbassare i salari minimi rendendoli ancora più bassi. La volontà di coloro che detengono il potere economico è quella di sostituire la manodopera europea con una più economica e pronta a tutto, pur di competere con i paesi in Asia.

Quindi tutta la questione sul perché vadano aiutati prima gli italiani e gli europei si basa solo su fattori economici? 

NO, assolutamente no. Il primo punto da affermare e su cui NON è possibile transigere è il senso di appartenenza e il sentimento di condivisione. Coloro che dicono “bisogna aiutarli” hanno ragione, va fatto e lo si deve fare perché è fondamentale aiutare i deboli, le persone in difficoltà. 

Ma c’è un'altra questione che va considerata: prendiamo a esempio una famiglia, la sua composizione riguarda anche i parenti stretti, quelli di sangue e poi quelli acquisiti. Tutti, non c’entra se si è di sinistra, destra, centro, apartitici o quel che volete voi. Tutti se hanno delle possibilità aiuteranno prima il proprio parente bisognoso e poi, nel caso vi fosse la possibilità, lo sconosciuto. È un fatto normale e giusto, perché la famiglia è la cellula della società in cui viviamo e la nostra società è costruita da coloro che ci hanno preceduto: i nostri padri, le nostre madri come i nonni sono coloro che, con il sacrificio, hanno permesso a questo paese di esistere e divenire una potenza mondiale. Il rispetto dei loro sacrifici passa anche da scelte ben precise, prima i figli di coloro che hanno contribuito a fare grande il nostro paese.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
migranti





in evidenza
Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"

Guarda le foto

Affari in rete/ Emiliano, Decaro, Laforgia e Leccese nella copertina dei Beatles "Let it be"


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Lexus alla Milano Design Week 2024: il futuro del design automobilistico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.