A- A+
Politica
Elezioni 2022, Orlando apre al dialogo col M5s e prepara il dopo-Letta nel Pd
Andrea Orlando

Elezioni politiche 2022, Orlando (Pd): "M5s? Il dialogo c'è e ci sarà anche dopo”

L'atteggiamento del Pd nei confronti del M5S è cambiato, dopo la rottura decisa da Letta? E questo ha a che fare con i sondaggi (segreti) sul voto al Sud? “Non è cambiato l'atteggiamento, perché non è cambiata la legge elettorale. Il percorso comune è stato rotto per ragioni di calcolo politico, che ha messo il Paese in difficoltà, in un momento di grave crisi geopolitica. La possibilità di mantenere il campo largo è venuta meno, ma la legge elettorale no e l'unica possibilità di battere la destra è il voto al Pd negli uninominali. Il dialogo rimane e ci sarà anche dopo”, ha detto il ministro del lavoro Andrea Orlando, intervenendo a 24 Mattino su Radio 24.

Rispetto alla desistenza proposta da Emiliano, Orlando osserva: “E' un modo di confondere l'elettorato. Tendenzialmente nei sondaggi è in testa il candidato del Csx, quindi eviterei questa roulette. Bisogna votare chi ha chance effettive, se no si butta via il 40% del voto”.

Rispetto al riavvicinamento col M5S: “Discutiamo delle elezioni, il dopo lo vedremo. Se si ferma la destra, c'è un dialogo in un certo quadro di una possibile riflessione su come recuperare ciò che si è rotto, anche con le altre forze. Se vince il cdx quella discussione va collocata in uno scenario diverso e preoccupante, visto che non trovano nemmeno la forza di prendere le distanze da Orban, nemmeno sulla legge che costringe le donne che vogliono abortire ad ascoltare il battito del cuore del feto. La destra nostrana non riesce a dire una parola su questo, ma fa il tifo per Vox, che rivendica l'eredita del Generale Franco e che contesta la parità di genere in vigore in Spagna. E sulla 194 quando parla di 'dare un diritto in più' dimentica che già oggi ci sono le condizioni per non abortire, semmai il problema sono i tanti obiettori che negano il diritto di abortire a chi lo vuole fare. Sembra che abbia in testa qualcosa di simile all'Ungheria”, ha aggiunto l'esponente del Pd.

Sulle divisioni del centrosinistra rispetto alla collocazione in campo internazionale: “Ci sono tutte le condizioni per superarle, mentre la Lega deve tuttora chiarire le sue posizioni sulla Russia. Anche perché non c'è la volontà di rimettere in discussione le alleanze internazionali. Piuttosto è la Meloni che è conflittuale verso l'Ue, cosa molto più grave. Sull'invio delle armi in Ucraina ci sono diverse idee, ma sono questioni che possono essere gestite. Ci sono divergenze in tutte le coalizioni”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    elezioni 2022orlando





    in evidenza
    Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi

    non poteva finire peggio

    Tensioni Pascale-Turci dopo il divorzio. Rissa per la mega-villa lasciata da Berlusconi

    
    in vetrina
    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

    Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


    motori
    La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

    La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.