A- A+
Politica
Enrico Letta è rimasto senza lavoro: nemmeno Parigi lo vuole più
Enrico Letta

Letta senza lavoro: pure Parigi non lo vuole

Enrico Letta cerca lavoro. Diamo un lavoro a quest’uomo! Dopo la fine del suo ruolo di segretario del Pd ora resta un “semplice” deputato da 15.000 euro netti al mese più pensione, benefit e quadriga dorata modello Ben - Hur. Bazzecole. Infatti Enrico “occhi di tigre” –come lui stesso si definì nella fallimentare campagna elettorale del 2022- cerca qualche “aiutino” ulteriore per incrementare il fatturato annuo e così aveva pensato bene di tornare a bussare a chi un uscio una volta glielo aveva cristianamente aperto.

Le frasi di YoganandaLe frasi di Yogananda
 

Ma Sciences-PO (L’Institut d’Etudes politiques de Paris) gli ha risposto gentilmente picche alla possibilità di reintegro. La stessa università lo aveva invece accolto dopo che Renzi l’aveva “serenato” dal posto di Presidente del Consiglio nel 2015 ma non gli perdona l’addio per il Nazareno al posto di Zingaretti giusto due anni fa. “Non siamo una porta girevole” gli hanno detto i francesi. Ora come farà il povero Enrico a tirare avanti? Questa la domanda che l’Italia e la Francia si pongono.

Ed ecco perché il Partito democratico è così favorevole al reddito di cittadinanza. Forse in esso vede un salvifico strumento per leader trombati o comunque caduti in disgrazia. Certo è un po’ difficile farlo coesistere con gli stipendi e vitalizi parlamentari ma sappiamo che l’Italia è un Paese di grandi doti inventive. Enrico in realtà una speranzella ce l’ha ancora ma la concorrenza è agguerritissima e la sua posizione debolissima. Si tratta di un posto di nessun conto, una specie di banco pesce al mercato Trionfale di Roma, ma lui ci tiene ed è giusto che conservi questo suo verginale afflato al lavoro.

Si tratterebbe della guida della NATO che è in regime di prorogatio e a breve è una carica che deve essere rinnovata. Enrico sono anni che gli va dietro. E in verità pur il suo “serenatore” Renzi gli va dietro. Entrambi hanno usato tutte le loro armi di diplomazia democristiana per acchiappare il posto ma purtroppo per loro ogni volta che si avvicinava la possibilità concreta di rimediare qualcosa perdevano di brutto una elezione importante e così gli “amici americani” prendevano puntualmente le distanze perché gli Usa investono se hanno un ritorno.

E così Renzi faceva su e giù sulla tratta Firenze - Washington insieme a Benigni e mogliere ma poi ha fatto la cavolata del referendum ed ha perso tutto, Obama se ne è andato e addio ai picnic sulle rive del Potomac. Anche Letta Nipote aveva cominciato a fare la tratta Pisa – Washington ma il fato ha impedito anche a lui di agguantare l’ambito trofeo. Enrico odt in realtà c’aveva pure provato fattivamente a compiacere gli Usa come quando aveva elogiato pubblicamente la Meloni perché Washington la riteneva e la ritiene fondamentale nello scacchiere della guerra ucraina. Ma alla fine è spuntato pure un pezzo da 90 e cioè Ursula von der Leyen in scadenza Ue e a cui gli Occidentali hanno promesso l’ambito incarico in cambio del suo super zelantismo nei confronti dell’Ucraina. Insomma tutto torna. Tranne che per il povero Enrico che ha perso tutto, tranne quella miseria di 15.000 euro netti al mese. Sic transit gloria mundi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
enrico lettalavoronatoonuparigirenzi





in evidenza
Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"

Guarda il video

Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.