A- A+
Politica
Tria: "Manovra prudente che va nella direzione giusta. Voto 8". Intervista
Giovanni Tria

Manovra, Tria ad Affaritaliani.it: "Concentrare le risorse per combattere gli effetti dell'aumento dei prezzi è giusto, l'impatto sul deficit è moderato"


Giudizio positivo. Voto 8 per la prima Legge di Bilancio del governo guidato da Giorgia Meloni. A commentare la manovra che sta prendendo forma in queste ore e che è all'esame del Consiglio dei ministri è l'ex titolare dell'Economia Giovanni Tria, che ha guidato il Mef durante il Conte I e che è professore onorario di economia all'Università Tor Vergata di Roma.

"Al di là dei singoli provvedimenti e di come è formulata nel dettaglio, lo vedremo con calma, il giudizio sulla manovra è tecnicamente positivo", spiega Tria ad Affaritaliani.it. "L'impianto generale appare molto prudente, corretta la scelta di concentrare le risorse sulla mitigazione dell'impatto dell'inflazione. Sia per andare in soccorso a chi non ce la fa, sia imprese sia famiglie in difficoltà, sia per frenare la spirale prezzi-salari che rischia di far crescere ulteriormente l'inflazione. Per questo motivo concentrare le risorse per combattere gli effetti dell'aumento dei prezzi è giusto, l'impatto sul deficit è moderato. Non aumenta il debito e le risorse arrivano da tagli di bilancio. Se guardiamo a tutti i bonus che ci sono, nel bilancio da tagliare c'è moltissimo".

L'ex responsabile di Via XX Settembre, quindi, dà un giudizio positivo. "Voto 8 alla manovra, anche se poi dovremo vedere e valutare i dettagli. Speriamo venga formulata bene, ma si tratta di un provvedimento prudente che va nella giusta direzione". Non solo. "Lo spread è in ribasso e anche se a volte i mercati reagiscono in maniera irrazionale, si tratta certamente di un elemento da valutare positivamente".

Passando poi al tema delle pensioni, con Quota 103 (41+62) per evitare il ritorno della Legge Fornero, Tria afferma: "A parte i problemi legati ai vari scaloni, e quindi a provvedimenti transitori, va comunque messo in conto che occorre allungare il periodo di lavoro e quindi di inizio dell'età pensionabile. Giusto il principio della libertà di scelta, e quindi chi lavora più anni poi percepisce di più come assegno pensionistico, ma va tenuto presente l'allungamento dell'aspettativa di vita e quindi l'idea che i cittadini possano beneficiare della pensione molto presto è fuori dalla storia".

Sulla revisione del reddito di cittadinanza, introdotto proprio quando Tria era al Mef, Meloni ha scelto la strada della riforma graduale. "Chi non è in grado di lavorare va aiutato dallo Stato ma questo fa parte dell'assistenza alla povertà. Un sostegno come il RdC - e la legge obiettivamente è stata scritta male - ha avuto un effetto negativo specialmente in alcuni settori su chi invece può lavorare. In alcune zone del Paese il costo della vita è molto basso e con il RdC si può in qualche modo tirare a campare senza lavorare, ed è da evitare. Comunque serve calma e responsabilità anche in questo settore, la misura non ha un grande impatto sul bilancio dello Stato. Uscire da questo sistema è giusto, ma senza fretta".

Infine l'estensione della Flat Tax per le Partite Iva fino a 85mila euro di reddito. "Quando si fissano dei tetti c'è sempre un problema perché qualcuno vuole sempre rimanere sotto il limite, o simulare di stare sotto. Ormai la progressività è rimasta solo per i lavoratori dipendenti e il sistema fiscale nel suo complesso è tutto da rivedere, con calma e senza fretta. Se si aumentano i tetti verso l'alto si spingono molti a cercare di restare sotto, un po' come accadde con la riforma dell'Articolo 18 anni fa sul numero dei dipendenti delle aziende", conclude Tria.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giovanni triagoverno meloni manovralegge di bilancio





in evidenza
La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

Nostalgia Masolin

La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport


in vetrina
Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti

Dal “quanto mi armi” di Zelensky a Salvini come Geolier: i meme più divertenti


motori
Lamborghini la rivoluzione sostenibile: un futuro di Innovazione e tecnologie

Lamborghini la rivoluzione sostenibile: un futuro di Innovazione e tecnologie

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.