A- A+
Politica
Giuliano Amato parla già da premier: "Ecco la mia ricetta sui migranti"
Giuliano Amato

Governo ko? Amato parla già da premier. Bacchetta Meloni su Repubblica e presenta il suo piano per i migranti

Un altro indizio che conferma la tesi lanciata da Affaritaliani.it. Giuliano Amato si scalda già per diventare premier al posto di Giorgia Meloni. Sembra proprio che il vento tiri verso un nuovo esecutivo di tecnici o professori e Amato è già pronto a riscendere in campo. Lo conferma anche la lunga intervista a doppia pagina di oggi a Repubblica in cui sembra parlare già da primo ministro in pectore quando illustra la sua ricetta (molto diversa da quella di Giorgia Meloni) sui migranti.

"Oggi si accoglie chi è perseguitato da un regime e si respinge chi è perseguitato dalla fame: questo è inammissibile sul piano dei diritti umani. L’Europa deve uscire da un grande equivoco e riconoscere finalmente lo status di rifugiato economico", dice Amato, che bacchetta Meloni: "Il recente pacchetto di provvedimenti sui migranti? Sono misure che servono solo a dimostrare l’esistenza di un problema, non a risolverlo. Il sociologo Niklas Luhmann l’ha spiegato bene: quando il potere sa di non essere in grado di trovare soluzioni alza il decibel del linguaggio politico per dare a tutti l’impressione di venirne a capo. Questo mi sembra uno di quei casi".

LEGGI ANCHE: Governo Amato, pronti i ministri. Tra conferme e ritorni... Tutti i nomi

LEGGI ANCHE: Governo, Amato premier al posto di Meloni. FdI e Lega all'opposizione

LEGGI ANCHE: Governo, Meloni cade ma niente elezioni. Poteri forti pronti al peggio. Inside

LEGGI ANCHE: Amato, quello del sei per mille insidia la premier

Amato critica ancora Meloni su Repubblica, in quello che sembra già un manifesto programmatico per la sua ipotetica successione: "Il problema di Giorgia Meloni è comune a molte altre destre sovraniste in Europa, come segnalava un recente articolo dell’Economist: alle prese con la necessità di governare si accorgono che le loro soluzioni estreme non sono praticabili. E se prima urlavano contro l’Europa – il caso di Meloni è sotto i nostri occhi – poi sono costrette a invocarla come risolutore dei problemi. In Italia poi è la storia a complicare un po’ le cose. Lo spiega bene il libro di Paolo Macry sulla destra italiana. Quando scompare la Democrazia Cristiana, il partito che aveva inglobato anche il populismo conservatore di Guglielmo Giannini, questa destra antisistema è andata a mescolarsi con ciò che restava del fascismo: Fratelli d’Italia nasce da questo singolare impasto. Ma oggi non sarebbe interesse della democrazia italiana riuscire ad avere un partito conservatore che non è più un partito fascista?".

Amato parla anche delle contraddizioni di Meloni tra von der Leyen e Orbán: "Sì, è una situazione difficile per tutti. Per la premier, perché pressata a destra dalla Lega. E per lo stesso Salvini che sta conducendo all’alleanza con Marine Le Pen un partito radicato nella democrazia italiana. Questo non riesco a capirlo, ma non sono il solo". Sulle voci di sua ascesa al ruolo di premier, Amato però nega: "L’ho letto e non so se è più penoso o più comico. Capisco che l’Italia è sempre più un paese di anziani, ma la sola idea di affidare il governo a un uomo di 85 anni dimostra una sfiducia nelle generazioni più giovani che l’Italia non merita".

Iscriviti alla newsletter





in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.