A- A+
Politica
Green Pass, Cacciari: "Draghi se ne strafotte, decide il Pd"
Massimo Cacciari
Lapresse

Ci siamo. Domani parte il Green Pass obbligatorio per tutto i lavoratori, sia del settore pubblico sia di quello privato. Massimo Cacciari, ex sindaco di Centrosinistra di Venezia, esprime la sua amarezza ad Affaritaliani.it: "Crea una complicazione inaudita, oltre al vulnus di tipo giuridico-istituzionale di cui ho parlato tantissimo volte, anche con fior di giuristi, e di cui ho ormai non dico più nulla avendo la nausea. Mi arrivano ogni giorni centinaia di mail, soprattutto da parte di piccoli imprenditori, che segnalano le incredibili complicazioni che l'obbligatorietà del Green Pass crea. Una scelta la cui ragione continua a sfuggirmi".

Cacciari sottolinea: "Abbiamo in Italia le misure più restrittive del mondo. Un'inchiesta dell'Università di Oxford, voluta dal governo britannico, ha elaborato lo 'Stringency Index' di tutti i Paesi del mondo in base ai provvedimenti adottati per contenere il Covid e l'Italia è risultata prima al mondo, con problema enorme e clamoroso della chiusura delle scuole per mesi. Tutto ciò, senza alcun miglioramento sul fronte dei contagi, dell'occupazione delle terapie intensive e dei morti. Draghi e il governo dovrebbero spiegare perché intendono aggravare ulteriormente la situazione, soprattutto per le piccole imprese, quando questi sono i dati scientifici".

Draghi non è quindi infallibile... "Il presidente del Consiglio di queste cose se ne strafotte, sono giochetti che lascia fare ai politici. Draghi si occupa di economia industriale e finanza. E' ovvio che tra i partito quello più convinto sul Green Pass obbligatorio sia il Pd, è la forza politica più governativa di tutte negli ultimi 30 anni". Prevede grossi problemi nei prossimi giorni? "No, tranne qualche scimunito che farà casino a vanvera e servirà solo per eliminare le voci razionali di dissenso".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    green pass obbligatoriomassimo cacciari
    i più visti

    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.