A- A+
Politica
Il Pd umbro non conosce vergogna. Obiettivo 'bullonare' le poltrone
LaPresse

Il Pd umbro - si legge su il Secolo d'Italia - non conosce la vergogna. Mentre i giudici parlano di una sanità “ostaggio di poteri occulti”, loro – i rossi incappati in uno scandalo che grida vendetta – farfugliano. Non vogliono che la presidente Marini vada a casa e che si debba rivotare per la regione. E sarebbe un secondo scandalo dopo la clamorosa delegittimazione della classe politica che governa l’istituzione.

La nuova resistenza: incollati alle seggiole. Domani il consiglio regionale deve “decidere” sulla fine dei giochi. Il Pd è stato travolto dalla vergogna per l’inchiesta su sanità e concorsi e loro stanno ancora a cincischiare. Domenica arriverà a Perugia Zingaretti e rischia di dover fare i conti con un nuovo tipo di “resistenza”, quella degli incollati alle poltrone.

Si convocano addirittura assemblee per far sentire la voce degli iscritti contro lo scioglimento della regione. Ma si presentano in pochi, una trentina a Perugia e ancora meno a Terni. In pratica, i portaborse dei politici del territorio. Gli irriducibili non vogliono rinunciare a stipendi e privilegi solo perché la magistratura ha pizzicato la governatrice, l’assessore alla sanità, il segretario regionale del Pd, i dirigenti della Asl, annessi e connessi.

Pretesti- prosegue il Secolo d'Italia - per non mollare lo stipendio. Pur di restare in carica, c’è chi si inventa – incredibilmente è quanto è stato recitato a Terni – la gestione dei fondi comunitari. La faccia tosta di chi non si rende ancora conto dell’indignazione popolare. Oppure, bisbigliano che prima di sciogliere la regione e andare a nuove elezioni, “bisogna riformare il sistema dei controlli“. Sarebbe come commissariare l’Avis con Dracula se pretendessero di decidere ancora loro in materia. Questo Pd ignora che cosa sia la dignità, a partire da quella dell’istituzione, gravemente macchiata dai comportamenti illeciti di governo. Hanno tradito la speranza delle persone ma non se ne vogliono andare. E’ ora che Zingaretti getti la maschera e ordini ai suoi compagni di fare fagotto. Finora nessuno lo ha ascoltato. Lo spettacolo di queste ore è davvero patetico: se ne devono andare.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    pdumbriapoltronezingarettimarini umbriacatiuscia marini
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.